ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come provare i gioielli preziosi di Zoe Robertson, da indossare come abiti

Con la mostra-performance FlockOmania Zoe Robertson abbatte i confini tra le arti e ci invita a danzare con i suoi gioielli trasformati in morbide sculture

gioielli-preziosi-zoe-robertson-mostra-flokomania
Christian Kipp

In tempi di mash up artistici, la ricerca del confronto tra le differenti discipline si fa sempre più estremo e provocatorio. Perché non avvicinare allora due arti distinte e all’apparenza molto distanti come gioielleria e danza coinvolgendo, nel processo, musica, cinema e fotografia?

È nata così FlockOmania, dalla fervida mente e dalle mani esperte di Zoe Robertson, jewellery artist di successo che ritorna al Cass dall’altra parte della scrivania. Ispirata dalla collaborazione con professioniste della danza quali Natalie Garrett Brown e Amy Voris, Zoe ha dato vita a qualcosa di nuovo e molto, molto originale.

Quindici gioielli-vestito che agghindano la figura intera, indossabili come indumenti fatti a mano che sfidano la nostra percezione. Sculture mobili realizzate con tecniche tradizionali che però non si accontentano di decorare e abbellire. Concepiti in simbiosi con la musica, danno vita a performance in cui le arti si mescolano e sfumano i confini, in un turbinio di forme, colori, suoni. Improvvisazione e body art sono lo sfondo su cui i ballerini e le sculture si muovono, mentre film maker e fotografi immortalano l’happening.

Avviata nel 2015 come singola esposizione, FlockOmania ha superato le attese, diventando un vero e proprio laboratorio vivente. Incoraggiando l’entrata in scena del pubblico, il risultato è sempre nuovo e in divenire e si avvale di trovate, competenze e suggestioni che possono provenire da chiunque.

Se passate da Londra prima del 26 gennaio, fermatevi alla Sir John Cass School of Art, della London Metropolitan University. Il 18 Gennaio potrete inoltre assistere alla performance vera e propria, prendervi parte e arricchirla con le vostre idee.

flockOmania finale by Zoe Robertson from Zoe Robertson on Vimeo.

 

https://flockomania.com/


di Stefano Annovazzi Lodi / 13 Gennaio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Dal supermercato alla passerella

Sulle passerelle spopola un accessorio impensabile

Moda e Design

[Design]

Una mostra en plein air

La mostra di Fabrizio Ferri per la Milano Fashion Week

mostre

[Design]

Istantanee da favola

La Norvegia sospesa tra uomo e natura di Guneriussen

Costume

[Design]

Pianeta Ettore Sottsass

Una mostra "intima" racconta il suo mondo alla Triennale di Milano

mostre

[Design]

Helsinki, a caccia di design

Un tour nei 15 place to be dello stile scandinavo

Itinerari

[Design]

Le facce dell’Ordine

Una mostra a Milano usa il design per raccontare il presente

mostre

[Design]

Libri d'autunno

5 idee (+1) da leggere nel mese di settembre

libri di design

[Design]

Una grande notte a Cupertino

iPhone X e le altre novità presentate da Apple

Tecnologia

[Design]

Bianco e nero

La Grecia inedita dell’architetto e fotografo Karatzas

progetti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web