ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Identità Golose: food ma anche design

A Milano, ricette, progetti e grandi nomi della cucina: da Cracco a Ducasse

Un'undicesima edizione ricca di nomi quella di Identità Golose, congresso internazionale di grandi chef ospitato a Milano dall'8 al 10 febbraio. Tra i grandi nomi anche Cracco, Bottura, Scabin.



Al tema di "Una sana intelligenza", presso il MiCo di via Gattamelata il mondo dell'haute cuisine si è ritrovato per discutere, cucinare, mangiare all'insegna di gusto e salute, in un fil rouge che proseguirà a maggio con Expo e il suo "Nutrire il pianeta".


Tante le interpretazioni degne di nota. Come quella di Cristina Bowerman, chef che dalla Puglia è andata a studiare alta cucina negli Usa, per poi aprire a Roma Glass Hostaria, una stella Michelin. Il suo focus si è chiamato Bee or not to bee: "sto cercando di spingere a Roma l'apicoltuta urbana che è sviluppatissima in altre nazioni e invece da noi non esiste quasi, con gravi danni per l'ecosistema", spiega. Tra i suoi due piatti il più scenografico è una trippa a nido d'ape.

Davide Oldani, il quale svela che presto inaugurerà un nuovo locale nella sua Milano, oltre al celebre D'o' di Cornaredo, reinterpreta un grande classico del suo maestro, Gualtiero Marchesi – presente al Congresso e applaudito come una star -: risotto allo zafferano con foglia d'oro. L'occasione dell'intervento è buona anche per presentare il suo riuscito set di piatti con impronta digitale in rilievo, un progetto firmato Kartell.



Ancora, Enrico Crippa da dieci anni al ristorante Piazza Duomo – una stella Michelin ad Alba – ha tenuto una lezione di cucina sugli ortaggi, mettendo in pratica il vecchio detto "non si butta via nulla". Celebre per la cura del suo orto, propone soluzioni pratiche per riutilizzare verdure invecchiate, con intelligenza.



Celebratissimo anche il guru della naturalité, Alain Ducasse, fresco di nuova apertura a Parigi con il suo Plaza Athénée. Parole chiave: rispetto per la diversità e ortaggi e cereali freschi. Lui li coglie nell’orto della reggia di Versailles.



www.identitagolose.it


di Marzia Nicolini / 16 Febbraio 2015

CORNER

Design collection

[Design]

Come nasce un orologio di lusso

Qualità, bellezza, longevità, ecco la ricetta di Sekford

orologi di design

[Design]

Tutto sugli Eames

Una grande retrospettiva al Vitra Design Museum

mostre

[Design]

Fotografare il lavoro

A Bologna lo sguardo sul mondo del lavoro di 14 grandi fotografi

mostre

[Design]

Zucche di design

10 alternative alle solite decorazioni per la festa più creepy

accessori di design

[Design]

Gli arredi Ikea più venduti

Ecco i dieci bestseller Ikea che hanno conquistato il mondo

top ten

[Design]

Cosa progettano i Millennials?

Progetti e provocazioni degli studenti della Design Academy di Eindhoven

Mostre

[Design]

Cartoleria zen

Quando gli accessori da ufficio sono anche belli

accessori di design

[Design]

Una mostra ibrida

Arte e scienza insieme? Si può, parola di Marino Golinelli

musei

[Design]

Jordan Made in Italy

Tecnologia, portafortuna e Russel Westbrook testimonial

Oggetti di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web