ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Case piccole, nuove esigenze: come cambiano gli stili di vita secondo Ikea

Come si vive oggi, tra contrasti e nuovi bisogni, secondo una ricerca condotta da Ikea nel mondo alla ricerca dei nuovi modi di abitare

ikea-case-piccole-life-at-home-report-2017

Pareti blu e arredi di design moderno

Se fino ad oggi abbiamo sempre pensato che la casa rappresenti il nostro rifugio dal resto del mondo, come una sorta di isola felice nella quale possiamo davvero rilassarci – nonostante le case piccole siano ormai la regola –, non è sempre così nel resto del mondo. Dall'ultima ricerca di mercato condotta da Ikea infatti emergono situazioni ben diverse, e per alcuni aspetti l'Italia si è dimostrata una realtà "anomala". La filosofia del gruppo Ikea è quella, sin dalla sua fondazione, di proporre ogni volta soluzioni di arredo create partendo da una conoscenza approfondita delle esigenze dei suoi clienti. E per farlo è molto attenta alle evoluzioni degli stili dell'abitare, in relazione con il mutare dei bisogni del vivere quotidiano. Per questo motivo ha fatto la sua più grande ricerca internazionale, per meglio capire come si vive oggi.

L'analisi, durata 6 mesi, è stata condotta su 22 mila persone, tra i 18 e i 65 anni, che vivono in 22 Paesi del mondo. E i risultati, riassunti poi nel Life at Home Report 2017, mettono in risalto dinamiche nuove. Ad esempio, dalla ricerca è emerso che è sempre più sentito il bisogno di avere dei propri spazi. Che la convivenza sia forzata o voluta, la casa è sentita come un "campo di battaglia", in cui il rapporto con le altre persone è spesso fonte di discussione nella gestione degli ambienti in comune. L'invasione del proprio spazio è maggiormente sentita nella condivisione del soggiorno. Diventato sempre di più una zona fluida e polivalente, il salotto/sala da pranzo è l'ambiente più conteso per la maggioranza degli intervistati in tutto il mondo. In controtendenza c'è l'Italia, in cui invece è la cucina a confermarsi il cuore della casa. E questo fenomeno è già emerso nelle ultime fiere di design, nelle quali abbiamo visto cucine grandi e accoglienti, accessoriate con ogni comfort per poterci passare più tempo possibile.

LEGGI ANCHE: → Cucine piccole, le dimensioni contano!

Altra fonte di contrasti all'interno delle mura domestiche sono l'eccesso e l'accumulo di oggetti, stipati in case sempre più piccole. E inevitabilmente aumentano i contrasti causati da una diversa concezione di ordine e disordine. I paesi che litigano di più per questo motivo? Filippine, Indonesia e Malesia, mentre i meno litigiosi sono il Giappone e la Danimarca. L'Italia, ancora una volta, si pone in maniera diversa: il 50% degli intervistati dichiara di rilassarsi sia nel riordinare che nell'eliminare gli oggetti superflui. E questo forse spiega il successo che ha avuto il libro "Il magico potere del riordino" di Marie Kondo. Infine, agli intervistati è stato chiesto se concepiscono o no la casa come una realtà in continuo cambiamento, da arredare e modificare negli anni. Il 21% degli intervistati hanno ammesso di sentirsi spaventati all'idea del cambiamento e ben il 26% desidera sostituire qualcosa in casa, ma solo una volta. Gli italiani si sono dimostrati ancora una volta il popolo più intraprendente: l'88% degli intervistati ha dichiarato di variare gli arredi e lo stile della propria casa negli anni, senza timori ed anzi sempre con la voglia di cambiare e di innovare. A questo punto siamo proprio curiosi di vedere quali soluzioni Ikea adotterà per la casa nei prossimi mesi.


di Maria Chiara Antonini / 3 Novembre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Il successo di un no-brand

Muji non rivela mai i nomi dei designer con cui collabora: ecco perché

Arredi di design

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web