ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Anna Sitnikova, la designer che sfida la vostra sensibilità con esperimento spaziale

Un'esposizione in cui i visitatori sono i protagonisti dell'immersione nello spazio

installazione-total-white-emptyful-anna-sitnikova
Anna Charalampidi & Diana Gheorghiu

Esitazione, questa la parola chiave di Emptyful, il progetto di laurea di Anna Sitnikova al Royal Academy of Arts di Den Haag. Nella sua ricerca di uno spazio che mutasse la sua funzione, Anna si è concentrata sul rapporto tra esposizione e visitatore, ribaltandola.

Nasce così uno spazio sospeso, senza tempo e monocromatico, ma, soprattutto, senza funzione prestabilita, che sfugge. Vari piani in calcestruzzo bianco si sovrappongono sfidando il visitatore a esplorarlo. L’interazione nasce proprio dai visitatori, invogliati a interagire con elementi fuori dalla loro portata fisica, e fuori da una comprensione precisa.

Emptyful diventa allora la cornice total white in cui la rappresentazione siamo noi, nel nostro rapporto primordiale con uno spazio bianco artificiale nella costruzione ma naturale nella mancanza di paradigmi.

L’incontro con lo spazio genera dunque esitazione, interrogazione. A sottolineare il concetto, Anna ha pensato di lasciare invadere lo spazio di una cortina di fumo che cela i volumi, rendendo la scoperta ancora meno immediata. Allo stesso modo alcuni oggetti, come una palla, sono liberi di essere spostati, così come le pareti pensili che ondeggiano con movimento ipnotico.

Uno spazio in cui intrattenersi in quanto tale, senza uno scopo preventivo, per liberarsi da schemi funzionali e valutativi. Uno spazio che vive della presenza umana che vi attribuisce un senso lasciandosi confondere e sfidare. Un gioco che è stato ripreso in una serie di video e suoni di installazioni precedenti che vengono proiettati e diffusi creando un ulteriore scarto.

two men from Anna Sitnikova on Vimeo.

 

www.annasitnikova.com

SCOPRI ANCHE:
8 progetti di design che migliorano la vita quotidiana
 I 5 progetti usciti dal Royal College che potrebbero cambiare il futuro


di Stefano Annovazzi Lodi / 29 Luglio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Il ristorante pop up di Nichetto

Alla Stockholm Furniture Fair ci si incontra da Ratatouille

Ristoranti

[Design]

Quello che non può mancare in cucina

La collezione di utensili da cucina Hay Kitchen Market

Accessori di design

[Design]

Feedback dal Madrid Design Festival

5 indirizzi interessanti di un festival che racconta un terreno fertile

Costume

[Design]

La Gibson in bancarotta

L'azienda di chitarre che hanno fatto la storia rischiano il fallimento

Costume

[Design]

La schiscetta 4.0

Lunch box: pranzare al sacco senza rinunciare al design

accessori di design

[Design]

La cucina come piace a lui

Acciaio, nero opaco, tecnologia: la cucina che piace agli uomini

Costume

[Design]

Un colore, un progetto

La maschera di Arlecchino secondo l'architetto Teresa Sapey

Costume

[Design]

Architettura da indossare

10 accessori moda P/E ispirati ad architetture famose

moda e design

[Design]

I cani di Wes Anderson

Cosa si sa del nuovo film in stop motion Isle of Dogs

Costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali