ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Le installazioni contemporanee del couturier Pierre Kauffmann

Selezione, elaborazione e scatto: le performance Pika-monuments si possono riassumere in questi tre passaggi

installazioni-artistiche-contemporanee-urbane-by-pierre-kauffmann-pika-monument-titan

Con le installazioni contemporanee del couturier Pierre Kauffmann - wearable-art - è possibile indossare i monumenti architetonici di tutto il mondo

Performance, installazioni artistiche o modern art? Quando un artista decide di intervenire negli equilibri estetici che si innescano tra moda e architettura, il risultato si chiama Pika-monuments. Pierre Kauffmann, creatore di questo progetto che abbraccia più discipline, dalla visual-art alla performance, all’installazione fino alla stessa architettura disegnata sull’uomo, dal costume studiato nel dettaglio ed esploso nelle sue potenzialità di prolungamento del corpo fino alle performance artistiche, lavora dal 2008 sul confine tra questi mondi e, di volta in volta, ne traccia uno nuovo.

Selezione, elaborazione e scatto: Pika-monuments si riassume in questi tre passaggi. Ciò che si attiva tra l’uno e l’altro rappresenta l’unicità del fare creativo che ha permesso a Kauffmann di distinguersi in un periodo in cui l’accesso alla performing art è sempre più libero e la sua interpretazione sempre più fuori controllo.

Dall’osservazione della realtà alla sua astrazione, come nei più classici canoni del fare artistico contemporaneo: oggetto di studio sono le architetture del XX e XXI secolo - teatri, ponti, grattacieli, sculture, complessi fieristici - e le loro complessità tecniche; il capriccio del progettista, il vezzo che si trasforma in firma e consacrazione. Qui Kauffmann calcola, modella, taglia, colora e cuce, ricreando per sé una porzione in scala del monumento che ha scelto di diventare altro.

Partendo da Parigi, questo couturier delle geometrie, ha iniziato un viaggio tra le forme di tutto il mondo, divertendo il suo pubblico con il suo ingegno, mimetismi camaleontici e spregiudicatezze da manuale. Video e foto, oltre ad un archivio delle sue wearable-architectures, sono l’unica traccia del suo intervento (leggi anche → Solo 16 giorni per l'opera di Christo sul Lago d’Iseo). Tra le più significative? la Cité de la mode et du design e la Folie al Parc de la Villette di Parigi, il Metropol Parasol di Siviglia, l’Oriente Station di Lisbona, l’Opera House di Sidney e la Parachute Jump Tower di New York.

Affezionato alla dimensione ludica del suo lavoro, Kauffmann lo riproduce in giochi di cubi, ovviamente componibili e acquistabili. Le possibilità di vederlo all’opera aumentano per chi vive o passa da Parigi, città in cui ha scelto di risiedere; in alternativa espone spesso in Francia e si sposta con frequenza verso le più impossibili architetture esistenti.

http://www.pikasite.net/


di Manuele Menconi / 15 Febbraio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Righe e rossetto per Ikea

La collezione di mobili Ikea firmata da Bea Akerlund

Arredi di design

[Design]

Siamo tutti Dott. Frankenstein

La collezione di Gucci presentata a Milano è un tributo al viaggio interiore

Costume

[Design]

Il ristorante pop up di Nichetto

Alla Stockholm Furniture Fair ci si incontra da Ratatouille

Ristoranti

[Design]

Quello che non può mancare in cucina

La collezione di utensili da cucina Hay Kitchen Market

Accessori di design

[Design]

Madrid Design Festival

5 indirizzi interessanti di un festival che racconta un terreno fertile

Costume

[Design]

La Gibson in bancarotta

L'azienda di chitarre che hanno fatto la storia rischiano il fallimento

Costume

[Design]

La schiscetta 4.0

Lunch box: pranzare al sacco senza rinunciare al design

accessori di design

[Design]

La cucina come piace a lui

Acciaio, nero opaco, tecnologia: la cucina che piace agli uomini

Costume

[Design]

Un colore, un progetto

La maschera di Arlecchino secondo l'architetto Teresa Sapey

Costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali