ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

100 anni di La Rinascente in 5 cose che probabilmente non sai

A un secolo dal battesimo con il nome che l’ha reso famoso, il più noto department store d’Italia mette in mostra la sua storia di innovazione

la-rinascente-100-anni-mostra-milano-5-curiosita

Composit di OMA con l'archivio di rassegna stampa de La Rinascente. Foto: OMA

Una grande mostra a Palazzo Reale ripercorre 100 anni di La Rinascente così come la conosciamo, ovvero con il nome che la rese famosa. Un racconto che si snoda tra le stanze dell’Appartamento del Principe attraverso i materiali d’archivio selezionati da Sandrina Bandera e Maria Cannella, che sono partite dal ricco portale La Rinascente Archives per costruire una storia di modernità e innovazione. Il concept e l’exhibition design di “Rinascente. Stories of innovation” sono a cura di OMA, che ha trasformato questi materiali in una successione di esperienze visive, fisiche e multimediali attraverso un collage di contributi e alcune raffinatezze tecniche come il grande libro con un indice “dimensionale” stampato sul paino d’appoggio o i tavoli della sala dedicata al Compasso d’Oro incisi per diventare piedistalli delle informazioni.

Ma la mostra è soprattutto un condensato di un pezzo di storia della Milano che guarda all’Europa, di piccole innovazioni che hanno cambiato per sempre il nostro approccio allo shopping, alla moda e al design. Ecco allora 5 curiosità per conoscere meglio il mondo de La Rinascente.

Foto: Lorenzo Palmieri, courtesy OMA

#gabrieled’annunzio

Cento anni fa i magazzini Bocconi, con la direzione di Umberto Brustio, assumevano il nome coniato da Gabriele D’Annunzio (su commissione del neo-proprietario Senatore Borletti): un nome luminoso e inebriante; un simbolo del progresso.

#cartellonistica

Il manifesto realizzato da Aldo Mazza per la riapertura dei magazzini dopo il grave incendio del 1918, in cui è raffigurato un tronco di ulivo da cui sbocciano nuovi rami, è un rimando al concetto simbolico della rinascita. Dopo di lui, l’artista triestino Marcello Dudovich puntò tutto sul fascino delle figure femminili in stile déco.

A sinistra: Manifesto di Marcello Dudovich, La Rinascente Fiera del bianco. A destra: Albe Steiner, Si riapre il 4 Dicembre 1950. Archivio la Rinascente Milano

#prezzofisso

Alla Rinascente nacque la vendita a scaffale e a prezzo fisso poi mutuata dalla grande distribuzione alimentare. Il modello di vendita innovativo, derivato dalle iniziali esperienze francesi, non solo fu la chiave di volta di un’economia moderna, ma produsse decisivi cambiamenti nella vita quotidiana della nascente società dei consumi, creando nuovi miti e archetipi nel gusto, rivoluzionando l’immagine femminile e maschile e stimolando la nascita dei sistemi produttivi legati alla moda e al design, pilastri fondanti del Made in Italy.

Foto: Agostino Osio, courtesy OMA

#scalamobile

Nel 1937 viene installata la scala mobile nel palazzo de la Rinascente di Roma piazza Colonna, la prima in Italia in un’azienda commerciale.

#compassod’oro

Nel 1954 La Rinascente istituisce il Premio Compasso d’Oro nato da un’idea di Gio Ponti e Alberto Rosselli. Albe Steiner disegna il logo e suggerisce il nome, mentre ad Alberto Rosselli e Marco Zanuso spetta il compito di disegnare il vero compasso, oggetto del Premio.

Foto: Agostino Osio, courtesy OMA

LR100 - STORIES OF INNOVATION
fino al 24 settembre 2017
Appartamento del Principe 
Palazzo Reale, Milano

www.rinascente.it

 


di Carlotta Marelli / 25 Maggio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Matera contemporanea

6 motivi per cui Matera è straordinaria

itinerari

[Design]

Ping pong di design

Dopo questi tavoli il gioco non sarà più lo stesso

Arredi di design

[Design]

Il design si studia in TV

I documentari più belli da scoprire su Netflix

Costume

[Design]

Dormire tra le nuvole

Letti a castello a scomparsa e sospesi: ecco 3 proposte di design

letti di design

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

Less is more!

L'essenzialità dal minimalismo al riduzionismo

Costume

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web