ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Landscape art nella parco della villa palladiana più straordinaria d'Inghilterra

Richard Long presenta le su opere in una nuova mostra presso la Houghton Hall di Lord Cholmondeley

landscape-art-houghton-hall-richard-long
@Pete Huggins

Nella cornice della più straordinaria villa palladiana d’Inghilterra, la Houghton Hall, va in scena EARTH SKY, la grande mostra del leggendario landscape artist britannico Richard Long.

Siamo Nella contea di Norfolk, terra bagnata dal Mare del Nord, celebre per i crostacei e per le spiagge di sabbia. È qui, nella sua villa, che il regista di sangue blu Lord Cholmondeley invita Richard Long per la sua più grande personale, dopo la retrospettiva alla Tate del 2009. Ma non è la prima volta che le strade dei due si incrociano. Infatti, già nel 2003, il mecenate aveva commissionato al landscape artist “Full Moon Circle”, un’opera permanente collocata nel parco della Houghton Hall.

D’altronde il sogno di Lord Cholmondeley è sempre stato quello di rendere Houghton una tappa obbligata sulla mappa di ogni appassionato di scultura contemporanea. E quindi come non chiamare ancora Richard Long?

Vincitore del premio Turner, classe 1945, Long, è una delle figure più influenti dell'arte concettuale e della Land Art. Personaggio di spicco di una generazione di artisti che hanno reinterpretato il concetto di scultura, ne ha esteso le possibilità espressive oltre i materiali e le tecniche tradizionali. Il suo lavoro si caratterizza per una profonda affinità con la natura, da cui trae ispirazione durante lunghe passeggiate solitarie.

È proprio alla natura che si ispirano le opere in mostra nel parco della Houghton Hall fino al 27 ottobre.

Utilizzando pietre locali, pietre focaie dell’Anglia e gli alberi della palude di Cornish, Richard Long plasma il suo landscape. Non solo land art, ma anche dipinti di fango e piccole sculture collocate all’interno della galleria.

In un parco eccezionale, che con il suo parterre di 150 tipi di rose vanta il Christie’s Garden of the Year Award, il curatore Lorcan O'Neill dispone abilmente le opere, che vivono in simbiosi con i pezzi della collezione permanente di Lord Cholmondeley. Questa ospita le realizzazioni dei maggiori artisti contemporanei tra cui James Turrell, Zhan Wang , Jeppe Hein, Stephen Cox, Rachel Whiteread, Anya Gallaccio e Phillip King.

www.houghtonhall.com

www.richardlong.org


di Pietro Terzini / 18 Luglio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Non aprite quella porta!

La porta di ingresso diventa protagonista di eccentriche novità

Lifestyle

[Design]

L'Ikea secondo Tom Dixon

Arriva Delaktig, la nuova piattaforma per l'arredo open source

arredi di design

[Design]

Il peso della Corona

Viaggio tra le corone della regina Elisabetta II

Lifestyle

[Design]

Un designer ci salverà

14 progetti raccontano come possiamo sconfiggere la plastica

Top ten

[Design]

Il design incontra Amatrice

Il design punta sul volontariato per promuovere il riscatto di Amatrice

interviste

[Design]

Fino all’osso

Tornano di moda gli intarsi preziosi, tra lusso e stile etnico

Lifestyle

[Design]

Prada secondo gli architetti

Sfila il nylon nero visto dai grandi dell'architettura e del design

Lifestyle

[Design]

Ice bucket per tutti

E quando non vi serve, potete sempre usarlo per i fiori

accessori di design

[Design]

La moda uomo in breve

Tutte le tendenze autunno inverno viste a Pitti Immagine Uomo

Lifestyle

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web