ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Less is more! Dal minimalismo al riduzionismo

l'evoluzione dell'essenzialità da Mies van der Rohe alla contemporaneità

less-is-more-mies-van-der-rohe-riduzionismo
Flickr @bo.peter

 Ludwig Mies van der Rohe, Farnsworth House, Plano, 1951

Less is more! Quante volte lo abbiamo sentito dire? Per molti architetti, designer e stilisti questo è un vero e proprio mantra. Il celeberrimo aforisma è generalmente attribuito a Mies van Der Rohe, ma in realtà non fu lui a coniarlo! Fu Peter Behrens, grande architetto del primo Novecento, per cui Mies lavorò dai ventuno ai ventisei anni (tra l’altro gomito a gomito con Walter Gropius e Le Corbusier). Bisogna però dire che fu Mies a dare forma al concetto di “Less is more”, inventando un linguaggio minimalista che a distanza di cent’anni è ancora un punto di riferimento. Letteralmente “Less is more” significa “meno è di più” ma sostanzialmente vuole dire che la forma di un edificio, di un oggetto o di un abito non deve essere il fine del design (e quindi pensata a priori), ma solo il risultato di un processo volto a dare una risposta semplice ad un bisogno complesso. Quindi in poche parole: la forma segue la funzione e non il contrario.

Oggi, con un secolo di “Less is more” alle spalle, si inizia a parlare di Riduzionismo, l’evoluzione contemporanea del minimalismo. Partendo dal minimalismo, il riduzionismo fa un mash-up di semplicità, funzionalità e connessione emotiva. È in quest’ultimo ingrediente che sta la novità. Infatti, mentre il minimalismo ha condotto alla realizzazione di oggetti e spazi manifesto spesso apprezzati e desiderati solo da un’élite culturale, la componente emotiva del riduzionismo vuole rendere il minimalismo desiderabile da tutti! E allora ecco che Land Rover e Born.com (incubatore di talenti e marketplace di design) uniscono le forze e istituiscono un premio riservato al design riduzionista: il Land Rover Born Awards. Sono stati annunciati i finalisti delle otto categorie: Architecture Design, Leisure Design, Lifestyle Fashion, Emerging Talent, Design Objects, Home Design, Sustainable Design, Technology and Innovation. Tra i progetti selezionati i più interessanti sono quello del negozio di Cartier a Cannes, che ha un interno ispirato al mondo degli yatch; quello della canoa per due persone che si ispira al design automobilistico e quello del televisore Loewe, che sembra una tela sul cavalletto di un pittore.

 È da sottolineare, di questi tempi, l’eccezionalità di un design award dedicato ad una specifica corrente estetica, il riduzionismo appunto. Tuttavia per molti l’importanza dell’approccio riduzionista è cruciale per le sorti del design del futuro, sia per quanto riguarda la progettazione di prodotti che di servizi.

 

Un post condiviso da BORN.COM (@borncreators) in data:

 

Un post condiviso da BORN.COM (@borncreators) in data:

 

Un post condiviso da BORN.COM (@borncreators) in data:


di Pietro Terzini / 11 Agosto 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Ping pong di design

Dopo questi tavoli il gioco non sarà più lo stesso

Arredi di design

[Design]

Il design si studia in TV

I documentari più belli da scoprire su Netflix

Costume

[Design]

Dormire tra le nuvole

Letti a castello a scomparsa e sospesi: ecco 3 proposte di design

letti di design

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

[Design]

Piscine Milanesi in scena

Un progetto fotografico dal sapore vintage firmato Stefan Giftthaler

fotografia

[Design]

Fenicotteri rosa ovunque!

Interior design, moda, social, la parola chiave è “flamingo”

Costume

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web