ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La light art di Liz West illumina il The MET

La prima istallazione permanente dell'artista britannica per la riapertura dell'edificio storico di Manchester

light-art-liz-west-installazione-the-met-manchester
Jim Stephenson

Quando in questo mese di dicembre il The MET di Manchester ha riaperto le porte dopo un lavoro di ristrutturazione costato oltre 4 milioni e mezzo di sterline, l’istallazione scelta per illuminare la sala centrale dell’edificio storico è stata Sevenfold di Liz West (leggi anche → Liz West incanta con l'installazione di luci colorati alla Biennale di Bristol).

Il celebre hub culturale ha commissionato questa opera di light art alla creativa britannica perchè, come afferma il direttore creativo David Agnew, “considerata il perfetto completamento della profonda trasformazione che l’edificio ha subito”.

L’istallazione permanente crea una vibrante nota di colore e dà un senso di illusione alla magnifica entrata e alle imponenti scale di stile vittoriano confermando quanto sia essenziale l’elemento della luce nei progetti dell’artista (leggi anche → Le installazioni luminose di Liz West in un'ex chiesa neogotica).

Sevenfold si ispira alla sequenza dell’arcobaleno di Newton dove il rosso, l’arancio, il giallo, il verde, il blu, l’indico e il violetto si trasformano in altrettanti prisma, sei nella composizione centrale, uno appeso sul reception desk, che grazie a degli specchi non si limitano a infrangere la luce ma la proiettano letteralmente sui più interessanti dettagli architettonici restaurati.

Quando il visitatore sale le scale si trova al livello dell’opera che può essere così ossevata in tutti i suoi dettagli.

LEGGI ANCHE → Rainbow mania: mobili a colori

Aggiunge Agnew: “La nostra visione era quella di celebrare la luce nel rinnovamento di questo edificio, il progetto usa il passato per illuminare il futuro, sposando la radiosità dell’opera contemporanea con l’intricato e solido stile dell’edificio del 1840”.

www.themet.biz

www.liz-west.com


di Paola Testoni / 3 Gennaio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Ping pong di design

Dopo questi tavoli il gioco non sarà più lo stesso

Arredi di design

[Design]

Il design si studia in TV

I documentari più belli da scoprire su Netflix

Costume

[Design]

Dormire tra le nuvole

Letti a castello a scomparsa e sospesi: ecco 3 proposte di design

letti di design

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

Less is more!

L'essenzialità dal minimalismo al riduzionismo

Costume

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

[Design]

Piscine Milanesi in scena

Un progetto fotografico dal sapore vintage firmato Stefan Giftthaler

fotografia

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web