ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Al Locus Festival Felice Limosani porta un progetto di light art

Nell'entroterra pugliese le installazioni luminose di Untaggable Stories trasformano i vicoli bianchi nei fogli di un racconto

locus-festival-felice-limosani-light-art

“Si fa solo un giro sulla giostra. La vita è degli audaci.” Neon installation ispirata al pensiero di Charles Bukowski

Fino al 27 agosto il Locus Festival – rassegna internazionale dedicata alla musica contemporanea sostenuta da Audi – accoglie Felice Limosani e la sua light art. Con le installazioni luminose di Untaggable Stories il labirinto di vicoli bianchi e tetti in pietra di Locorotondo, nell'entroterra pugliese, si trasforma in una serie fogli bianchi su cui scrivere un racconto, un dialogo sul tema della non-taggabilità attraverso i pensieri di grandi personaggi del nostro secolo, da Pasolini a Saint Exupery a Mandela.

Sopra: neon installation ispirata al pensiero di Mr. Spock - Ibrido umano - Vulcaniano della serie Star Trek. “Sono lieto di vedere che siamo diversi. Che insieme si possa diventare più grandi della somma di entrambi.

Con tubi fluorescenti, video proiezioni, lampade cinetiche Limosani ci “illumina” su come l'essere “untaggable” sia uno dei valori del nostro tempo: se Tag è il termine universalmente impiegato per la riconoscibilità nei contesti virtuali, untaggable significa allora non etichettabile, quindi libero da definizioni e classificazioni.

Sopra: Qual è la vera vittoria, quella che fa battere le mani o battere i cuori? Pier Paolo Pasolini

Il percorso comincia con due grandi mani di luce che custodiscono, come fossero uno scrigno, un cuore richiamando il pensiero di Pier Paolo Pasolini: “Qual è la vera vittoria, quella che fa battere le mani o battere i cuori?”. Su una facciata la scritta Try-Try-Again rimanda ad un antico adagio, secondo cui “Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso”.

Sopra: volare con la fantasia e l’immaginazione per atterrare concretamente nella realtà. Neon installation ispirata al pensiero di Antoine de Saint-Exupéry. "Fai della tua vita un sogno, e di un sogno, una realtà.”

“Sembra sempre impossibile, finché non viene fatto” è il monito di Nelson Mandela che la luce compone con le parole Challange - Change, mentre quello di Saint-Exupery, “Fai della tua vita un sogno, e di un sogno, la realtà” è racchiuso nelle immagini di un’astronave, una stella e la terra.

Sopra: “Non tutto ciò che conta può essere contato. Non tutto ciò che può essere contato conta.” Albert Einstein 

Un dialogo tra luce e architettura che si chiude nella Chiesa Madre di San Giorgio con una video installazione che offre agli spettatori una percezione inedita della facciata barocca, disegnata da immagini evanescenti.

Sopra: “La vera bellezza, dopo tutto, sta nella purezza di cuore.” Mahatma Gandhi

www.locusfestival.it

SCOPRI ANCHE:
La bellezza della decadenza
Luci e installazioni di Ingo Maurer


di Carlotta Marelli / 5 Agosto 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Righe e rossetto per Ikea

La collezione di mobili Ikea firmata da Bea Akerlund

Arredi di design

[Design]

Siamo tutti Dott. Frankenstein

La collezione di Gucci presentata a Milano è un tributo al viaggio interiore

Costume

[Design]

Il ristorante pop up di Nichetto

Alla Stockholm Furniture Fair ci si incontra da Ratatouille

Ristoranti

[Design]

Quello che non può mancare in cucina

La collezione di utensili da cucina Hay Kitchen Market

Accessori di design

[Design]

Madrid Design Festival

5 indirizzi interessanti di un festival che racconta un terreno fertile

Costume

[Design]

La Gibson in bancarotta

L'azienda di chitarre che hanno fatto la storia rischiano il fallimento

Costume

[Design]

La schiscetta 4.0

Lunch box: pranzare al sacco senza rinunciare al design

accessori di design

[Design]

La cucina come piace a lui

Acciaio, nero opaco, tecnologia: la cucina che piace agli uomini

Costume

[Design]

Un colore, un progetto

La maschera di Arlecchino secondo l'architetto Teresa Sapey

Costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali