ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Looking Good, le suore come non te le aspetti

Le suore di Bennett e Todd raccontate tra aneddoti e note di design nel libro illustrato di GraphicDesing&

looking-good-libro-illustrato-vestiti-suore

Looking Good sceglie ironia e metodo scientifico per trattare una ricerca sul costume religioso. Veronica Bennett, laureata in teologia all’Università di Cambridge, e l’illustratore Ryan Todd, che consegnano all’editore GraphicDesign& un piccolo manuale sull’abbigliamento e la simbologia di quaranta ordini religiosi di suore. Pioniera per l’approccio irriverente con cui tratta il graphic design, questa casa editrice ha come obiettivo quello di mostrare quanto quest’ultimo sia interconnesso a molti aspetti del quotidiano, così come alle altre arti che l’hanno preceduto e con cui coesiste ancora oggi.

In 264 pagine, nel classico formato tascabile, i due autori, oltre ad accompagnare il lettore in un giro del mondo cattolico, portandolo all’interno di luoghi di clausura e comunità semi sconosciute, riescono ad addentrarsi nell’analisi sociale e semantica legata alla rappresentazione che nei secoli è stata data alla donna in vesti ecclesiastiche.

Il lavoro di Todd, artista noto per il suo metodo concettuale in grado di unire tecnica del colore (sempre pieno) a linee che riassumono l’essenza di forme complesse nello spazio, fa da contrappeso ai testi e alle note di Bennett, inserite fra le illustrazioni quasi in forma di dispensa.

Così le quaranta immagini di suore divise per tipologia di ordine di appartenenza e corredate dai rispettivi accessori, formano una sorta di catalogo, mentre il formato piatto, bidimensionale, con cui sono rappresentate, dà al volume l’aspetto di un manuale per modellisti.

Ad esprimersi ulteriormente ora sull’anedottica, ora sulle chiose storico-tecniche relative al costume, è la stessa autrice che definisce la sua ricerca come un compendio di “storie di relazioni inquiete, di lotte fra potere e povertà; riflesso delle interazioni tra la moda, la cultura e la fede”.

Tra preghiere, atti di fede e scoperte inaspettate (perché anche le suore hanno scritto, spesso in silenzio, intere pagine della nostra storia), Looking Good è, sin dalla sua uscita, un must have che si abbina perfettamente ad ogni tipo di libreria.

www.graphicdesignand.com


di Manuele Menconi / 17 Novembre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Il successo di un no-brand

Muji non rivela mai i nomi dei designer con cui collabora: ecco perché

Arredi di design

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web