ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il manichino sartoriale intelligente di Euveka cambia fisionomia e si adatta ad ogni corporatura

Grazie ad una tecnologia robotica legata alla morfologia e al bio-mimetismo non sarà più necessario provare gli abiti in camerino

Il classico manichino sartoriale in legno, che da sempre troneggia negli atelier di moda, presto potrebbe essere messo da parte: al suo posto, un manichino intelligente robotico che cambia fisionomia e si adatta a tutte le corporature. Il concept è stato partorito da una giovane francese, Audrey-Laure Bergenthal, che ha ideato un robot evolutivo per rispondere ai bisogni sempre più specifici dell’industria fashion.

Con la start-up Euveka, con base a Valence, la Bergenthal propone un manichino in silicone e tessuto, venduto con un apparecchio che segue la produzione degli abiti in maniera iper intuitiva. Come? Attraverso una tecnologia robotica performante, legata al bio-mimetismo. In questo modo i professionisti del tessile possono elaborare dei prototipi che corrispondono esattamente alla morfologia del cliente, che può acquistare il prodotto direttamente, senza doverlo provare e .

 

Basta “scannerizzare” la persona per introdurre tutti i parametri nel sistema, e il robot, che può variare dalla taglia 36 alla 46, prende in meno di due minuti la forma richiesta. Non c’è alcun dubbio sul fatto che il manichino intelligente di Euveka renda il lavoro molto più facile ai sarti e non solo, diminuendo sensibilmente il margine di errore, permettendo di salvare spazio (un solo robot per tutte le corporature) e guadagnare tempo.

 

Quanto sarebbe bello se un giorno tutti potessimo inviare i nostri dati morfologici e ricevere in men che non si dica ogni capo d'abbigliamento personalizzato? Sognare, dopo l’invenzione di Euveka, è più che lecito.


di Essia Sahli / 14 Dicembre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Il suono dell'architettura

Al Design Museum Holon una mostra sul rapporto tra suono e design

mostre

[Design]

Un'Abarth in versione marinara

Riva e Abarth lanciano Abarth 605 Rivale in serie limitata

Automobili di design

[Design]

La top 7 di documenta 14

7 cose da non perdere alla manifestazione d'arte di Kassel

fiere

[Design]

In barca sul lago d'Iseo

In gita sull'ultimo yacht di lusso dei cantieri Riva

Barche

[Design]

In Sardegna con le spalle al mare

7 posti segreti dell'entroterra sardo da scoprire

itinerari

[Design]

Tu lo conosci HENSE?

Il writer che dai muri di Atlanta ha conquistato l’America

design e arte

[Design]

Treni, arte e nostalgia

Viaggi indimenticabili col mezzo più romantico che c’è

itinerari

[Design]

Goldie rivela chi è Banksy

Gaffe del produttore durante un'intervista radiofonica

street art

[Design]

Ci vediamo a Roma?

Le mostre più belle da vedere in questi giorni d’estate

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web