ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

In Giappone una città intera ha costruito i suoi mobili in legno con gli scarti

Tutta la comunità partecipa al progetto di Yamazaki Kentaro Edges of the Forest per trasformare gli scarti delle segherie in uno spazio comune con tante funzioni

mobili-in-legno-scarti-yamazi-kentaro
Akihiro Kawauchi

A Daigo in Giappone, uno spazio comune viene arredato con pavimenti e mobili provenienti dagli scarti delle falegnamerie locali

Immaginate una cittadina al limite di un bosco con una lunga tradizione di falegnameria e mobili in legno, ora immaginate una comunità molto unita che vuole creare uno spazio di incontro e ha a disposizione una grande quantità di scarti di legno proveniente dalle segherie locali.

È questa la condizione sulla quale nasce il progetto  “Edges of the Forest” nella città di Daigo in Giappone. Qui il laboratorio di design Yamazaki Kentaro ha deciso di riunire tutti gli scarti del legname e dar loro una nuova vita.

Il progetto si è quindi tramutato in uno spazio versatile capace di riunire tutti i locali che grazie a dei workshop hanno potuto creare diversi mobili in legno e arredare così in maniera naturale e creativa l'interno del nuovo spazio.

Un riciclaggio che non è sceso a compromesso con la bellezza del risultato finale. Il progetto è stato in grado infatti di mostrare la versatilità e la bellezza del legno tagliato.

Con questi “scarti” sono stati creati i pavimenti in legno e gli arredi di un bar, di una biblioteca, di un ufficio condiviso e di uno spazio per eventi: questi pezzi scartati sono divenuti così il materiale di un riutilizzo intelligente di un prodotto locale a km zero e hanno avuto la capacità di riunire i residenti di questa comunità ai “bordi del bosco” impegnati attivamente e concretamente nel progetto.

I mobili ricavati sono stati posizionati in un grande spazio aperto di 98 m2, capaci di creare da soli differenti luoghi all’interno di una struttura comunitaria.

www.ykdw.org


di Paola Testoni / 19 Maggio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Trolley delle mie brame

I must-have per affrontare con stile l'ansia da valigia

accessori di design

[Design]

Se Ikea non vi basta...

Soluzioni di design per rimettere a nuovo l'interior

accessori di design

[Design]

Alla ricerca del sole

LRNCE, il brand tra artigianato marocchine e design contemporaneo

textile design

[Design]

La forma della pasta

I cibi del futuro cambieranno forma? Il MIT dice di sì

tecnologia

[Design]

La barca a vela del futuro

Philippe Starck firma il nuovo colosso della nautica

Barche

[Design]

Progettare con uno scopo

8 progetti degli studenti della Central Saint Martins di Londra

Progetti

[Design]

Coffee Break!

5 tazzine d'autore per bersi un caffè senza rinunciare al design.

design e artigianato

[Design]

Non chiamatelo gommone

Tecnorib svela la nuova ammiraglia, veloce e comoda, per Pirelli

Barche

[Design]

Smartwatch alla Vuitton

Il nuovo orologio della Maison per globe-trotter di lusso

Orologi di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web