ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

In Giappone una città intera ha costruito i suoi mobili in legno con gli scarti

Tutta la comunità partecipa al progetto di Yamazaki Kentaro Edges of the Forest per trasformare gli scarti delle segherie in uno spazio comune con tante funzioni

mobili-in-legno-scarti-yamazi-kentaro
Akihiro Kawauchi

A Daigo in Giappone, uno spazio comune viene arredato con pavimenti e mobili provenienti dagli scarti delle falegnamerie locali

Immaginate una cittadina al limite di un bosco con una lunga tradizione di falegnameria e mobili in legno, ora immaginate una comunità molto unita che vuole creare uno spazio di incontro e ha a disposizione una grande quantità di scarti di legno proveniente dalle segherie locali.

È questa la condizione sulla quale nasce il progetto  “Edges of the Forest” nella città di Daigo in Giappone. Qui il laboratorio di design Yamazaki Kentaro ha deciso di riunire tutti gli scarti del legname e dar loro una nuova vita.

Il progetto si è quindi tramutato in uno spazio versatile capace di riunire tutti i locali che grazie a dei workshop hanno potuto creare diversi mobili in legno e arredare così in maniera naturale e creativa l'interno del nuovo spazio.

Un riciclaggio che non è sceso a compromesso con la bellezza del risultato finale. Il progetto è stato in grado infatti di mostrare la versatilità e la bellezza del legno tagliato.

Con questi “scarti” sono stati creati i pavimenti in legno e gli arredi di un bar, di una biblioteca, di un ufficio condiviso e di uno spazio per eventi: questi pezzi scartati sono divenuti così il materiale di un riutilizzo intelligente di un prodotto locale a km zero e hanno avuto la capacità di riunire i residenti di questa comunità ai “bordi del bosco” impegnati attivamente e concretamente nel progetto.

I mobili ricavati sono stati posizionati in un grande spazio aperto di 98 m2, capaci di creare da soli differenti luoghi all’interno di una struttura comunitaria.

www.ykdw.org


di Paola Testoni / 19 Maggio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

A tavola con India Mahdavi

La designer firma per Monoprix una collezione dal sapore etnico

accessori di design

[Design]

Il futuro del design è a Dubai

Global Grad Show: 200 progetti per rendere il mondo un posto migliore

mostre

[Design]

5 arredi iconici di colore rosso

A Natale la zona living si tinge di rosso con gli arredi colorati dei maestri

Oggetti di design

[Design]

Tra Sol Le Witt e l'architettura

Rem Koolhaas e Francesco Stocchi rileggono a Milano la sua opera

mostre

[Design]

Arriva la Barbie con l'hijab

La bambola dedicata a Ibtihaj Muhammad,

Costume

[Design]

Design a Thanksgiving

Studio Milo firma la mise en place per il Giorno del Ringraziamento

accessori di design

[Design]

Orizzonti cinesi

Cina e Made in Italy: nuovi scenari e vecchi luoghi comuni da sfatare

design summit

[Design]

Fragranze di design

4 sofisticati profumatori per ambienti per arredare con stile

Oggetti di design

[Design]

La gioielleria secondo Ferré

In mostra a Torino le creazioni orafe dello stilista-architetto

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web