ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Nostalgia dello stile psichedelico degli anni '60? Arreda la casa con LSD!

Gioca con la luce e i colori la nuova collezione di arredi della designer basata a Helsinki Elina Ulvi

mobili-psichedelici-elina-ulvi-1
Foto: Annikki Valomieli; Poster: Elina Ulvio

La collezione di mobili psichedelici LSD, ultimo lavoro della designer finlandese Elina Ulvio, utilizza luci e ombre, riflessi e movimenti per conquistare una percezione non convenzionale.

Grazie a queste peculiarità, i classici confini fra oggetto e spazio si spezzano e sfumano in una nuova dimensione che la progettista definisce appunto “psichedelica”. D’altra parte l’idea degli arredi LSD – acronimo di Lights Shapes Dimensions – affonda le sue radici nella formazione in campo architettonico e nell’interesse per la sfera del subconscio della progettista con base a Helsinki.

Così, l’unione di forma e funzione, di design e architettura contribuiscono a comporre quella che la giovane designer chiama, appunto, “arte delle dimensioni”.

SCOPRI ANCHE → Il cactus psichedelico di Paul Smith per Gufram

Tutti i mobili della collezione LSD sono multifunzionali e sfidano, in un dialogo armonico, i limiti propri dei concetti di forma, spazio e illuminazione.

Nell’insieme, un perfetto esempio di design d’interni ‘nordico’ che comprende anche le luci Plankton (a muro), Gravity (scultura) e Aurora (lanterna).

Guardiamoli più da vicino:

Kajo (foto sotto), ovvero alba in finlandese, sono ripiani a muro dotati di luce che contribuiscono a valorizzare un posto limitato, come le pareti. Elina Ulvio li paragona a una tela da dipingere perché ognuno può creare un proprio scenario o progetto di interior. Strisce di led, poste sul lato interno della cornice frontale, cambiano colore creando giochi di luci e ombre sugli oggetti esposti e sulle superfici.

SCOPRI ANCHE → You Say You Want a Revolution, una mostra sul sessantotto a Londra

Kuu (foto sotto), che vuole dire luna nella lingua della designer, è una sedia impilabile a tre gambe, elegante nei suoi profili geometrici e minimali, in sintonia con il tavolo Kuu al quale si abbina. Quest’ultimo, multifunzione, dispone di un top a ribalta che funge da specchio e cambia colore se ruotato. Ideale come elemento decorativo per i piccoli spazi, l’arredo ripiegabile regala i colori dell’arcobaleno e delle atmosfere d’effetto, rispettando le belle linee pulite dello stile scandinavo.

 

www.elinaulvio.fi


di Silvia Airoldi / 7 Gennaio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web