ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Women fashion power a Londra

25 donne di successo raccontano la propria filosofia dello stile in una mostra

Quando nel 1975 fu eletta alla guida dei conservatori, Margaret Thatcher non ambiva certo a diventare un’icona di stile. Eppure, quasi quarant’anni dopo, l’abito azzurro di Mansfield che indossava quel giorno è esposto nella mostra Women fashion power inaugurata il 29 ottobre al Design Museum di Londra.

Curata da Donna Loveday e Colin McDowell, la mostra è un omaggio a 25 donne contemporanee, che sono riuscite a eccellere nei loro settori anche grazie al contributo della propria immagine.

Nessuna frivolezza: l’obiettivo è accreditare una volta per tutte il ruolo della moda e intenderla non più come contorno o distrazione ma come una componente essenziale per l’affermazione della donna, in particolare in ambito lavorativo. La presenza del sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, per tagliare il fiocco dell’opening mette subito in chiaro di che tipo di figure femminili stiamo parlando.

Dalla bellissima Naomi Campbell, alla carismatica Zaha Hadid, passando per l’estrosa Vivienne Westwood, il potere dell’immagine si svela negli outfits, nelle messe in piega, nei dettagli di stile. «Tutte le donne che abbiamo invitato a contribuire sono state scelta perché leader nel proprio settore e consapevoli che gli abiti che indossano sono parte del proprio modo di comunicare con il mondo» - ha dichiarato Donna Loveday - «Oggi stiamo assistendo all’evoluzione di un nuovo Dress Code Power e queste signore dimostrano la propria individualità approcciandosi al fashion in un modo molto personale».

Accanto alla carrellata di abiti e interviste delle 25 madrine - tra cui c’è anche Anna Jones, Chief Executive di Hearst Magazines UK - Women fashion power racconta 150 anni di moda, dai corsetti del diciannovesimo secolo ai tacchi Louboutin dei giorni nostri, sfogliando un ampio catalogo di immagini, cimeli, riviste. Tra un abito Anni 30 appartenuto a Elsa Schiapparelli, una borsetta del ‘41 adatta a contenere una maschera antigas, costumi da bagno sempre più succinti e via dicendo, attraversiamo rivoluzioni culturali, sociali, politiche.

Quella raccontata al Design Museum – fino al 26 aprile 2015 - è una moda che non sta ferma a guardarsi allo specchio ma gioca un ruolo di potere nelle dinamiche del mondo vestendo i panni di alcune donne eccezionali. Basta avere l’intelligenza di ammetterlo.

Sito:
https://www.designmuseum.org/


di Laura Ghisellini / 29 Ottobre 2014

CORNER

Design collection

[Design]

Trolley delle mie brame

I must-have per affrontare con stile l'ansia da valigia

accessori di design

[Design]

Se Ikea non vi basta...

Soluzioni di design per rimettere a nuovo l'interior

accessori di design

[Design]

Alla ricerca del sole

LRNCE, il brand tra artigianato marocchine e design contemporaneo

textile design

[Design]

La forma della pasta

I cibi del futuro cambieranno forma? Il MIT dice di sì

tecnologia

[Design]

La barca a vela del futuro

Philippe Starck firma il nuovo colosso della nautica

Barche

[Design]

Progettare con uno scopo

8 progetti degli studenti della Central Saint Martins di Londra

Progetti

[Design]

Coffee Break!

5 tazzine d'autore per bersi un caffè senza rinunciare al design.

design e artigianato

[Design]

Non chiamatelo gommone

Tecnorib svela la nuova ammiraglia, veloce e comoda, per Pirelli

Barche

[Design]

Smartwatch alla Vuitton

Il nuovo orologio della Maison per globe-trotter di lusso

Orologi di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web