ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il food design militare in mostra

Alla Triennale di Milano: le razioni alimentari in dotazione agli eserciti di tutto il mondo a cura di Giulio Iacchetti

Acquisita la dizione inglese – food – tutto quello che riguarda il cibo ha attirato su di sé un’allure glamour che a volte fa dimenticare la funzione primaria richiesta: la nutrizione. Il designer Giulio Iacchetti, non nuovo a riflessioni che spostano il senso e il valore delle cose, richiama all’ordine anche in questo campo, con la ricerca sfociata nella mostra Razione K. Il pasto del soldato in azione, allestita nell’atrio della Triennale di Milano, fino al 22 febbraio 2015.

Con un fare da antropologo, più che di esperto culinario, si è messo in marcia, diretto al fronte, per curiosare negli zaini dei soldati e vedere cosa mangiano, e qual è l’aspetto della colazione a sacco, quando non sono in caserma.

Lontano dagli studi televisivi, dove si compiono lotte contro il tempo e l’avversario, che spesso è un temibile e burbero chef stellato, quando si tratta di cibo, nei luoghi dove si recano gli eserciti di tutto il mondo, la protagonista è l’emergenza. Sullo sfondo: uno scenario in cui il peso e l’ingombro di quello che ci si porta dietro è una variabile fondamentale che fa rima con la sopravvivenza. Al di là del superfluo, le confezioni porzionate sono calibrate, a partire da ingredienti e numero di portate, per raggiungere le calorie necessarie all’impegno di una giornata di marcia o di azione.

Disposte su tavoli, in stile da campo, sacchetti e bustine, scatole di latta e cartone, tengono alta la bandiera della nazione da cui provengono. Perché se è vero il detto l’uomo è ciò che mangia, queste confezioni, nella loro diversità di contenitore e contenuto, accomunate da uno studio grafico e comunicativo chiaro ed essenziale, sembrano parlare davvero la lingua del Paese corrispondente: dal minimalismo giapponese alla razionalità tedesca, dal melting pot statunitense al cuore verde olandese.

Così il design anonimo, ma perfetto per la sua finalità, delle razioni K (così chiamate dall’iniziale del cognome dei coniugi Ancel e Margaret Keys che le hanno inventate nel 1939) sottolinea differenze, ma svela anche fratellanze al di là degli stereotipi, ribadendo l’importanza di sentirsi a casa, anche quando non lo si è. E guardiamo la nutrizione, tema che l’Expo 2015 ha posto sulla ribalta, in una delle sue essenziali declinazioni pensate per salvare la vita.

www.triennale.org
www.giulioiacchetti.com


di Porzia Bergamasco / 28 Gennaio 2015

CORNER

Design collection

[Design]

Una vetrina per il tempo

Una pendola icona rinasce in un corpo trasparente e contemporaneo

Natale

[Design]

Think Pink

Le surreali Porsche rosa di Chris Labrooy a Palm Spring

installazioni

[Design]

Marble passion

10 proposte celebrano il materiale evergreen per eccellenza

accessori di design

[Design]

Suda e ti dirò chi sei

Un cerotto multiuso per sportivi che monitora l'idratazione

tecnologia

[Design]

Dirotta su Cuba

Fermento culturale e antichi spiriti da scoprire nell'isola caraibica

itinerari

[Design]

Hanoi vista dall'alto

Le colorate fotografie degli ambulanti vietnamiti in bicicletta

Itinerari

[Design]

Nuove frontiere dell’arte

Groviglio di pixel per l’arte virtuale di Miguel Chevalier

mostre

[Design]

Chilling in New York

Un’installazione temporanea invita al relax nella grande mela

installazioni

[Design]

Design Museum, la prima

Una mostra dal titolo Fear and Love inaugura in Kensington High Street

Mostre

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web