ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La mostra di Antonio Marras alla Triennale di Milano

Lo stilista sardo trasforma lo spazio nella sua Wunderkammer piena di opere da avvicinare per scoprirne i segreti

Antonio Marras trasforma la Triennale di Milano nella sua Wunderkammer con la mostra Nulla Dies Sine Linea, aperta al pubblico fino al 21 gennaio 2017. La mostra, il cui titolo cita una famosa frase che Plinio il Vecchio usò per riferirsi al pittore Apelle che “non lasciava passar giorno senza tratteggiare col pennello qualche linea”, racconta la figura poliedrica del “più intellettuale degli stilisti italiani” e il suo muoversi tra mondi paralleli: dal cinema alla poesia, dalla storia all’arte visiva. 

Installazioni edite e inedite prodotte nell'ultimo ventennio, disegni, dipinti e objet trouvèe si sovrappongono e si intrecciano in un dialogo diretto con lo spazio, senza intermediazioni, costruendo un viaggio tra gli incontri e le relazioni di Marras – come quelle con Maria Lai e Carol Rama – e la sua vita nomade raccontata in quaderni, album e diari. Una sorta di racconto per immagini, fatto di schizzi e ricami, di materiali eterogenei, di oggetti raccolti qua e là cuciti, incollati e sovrapposti. Si passa dalla Classe di peluche di pezza e patchwork – in cui un grande quaderno dalla pagine tessili racconta le paure che accomunano bambini e adulti – ai libri disegnati raccolti nelle incubatrici come fossero idee ancora da coltivare, dalla sfilata di abiti sonori dell'ingresso alla piccola stanza che raccoglie le Relazioni Pericolose, tra tappeti e carte da parati rosso rubino.

Scrive la curatrice Francesca Alfano Miglietti: “Per Marras tutto diventa materiale artistico: la sua storia personale, la sua isola, i suoi cani, gli orizzonti, il mare, la storia, gli stracci, i rapporti, le relazioni. Tutti gli ambiti che ha avvicinato, o da cui è avvicinato, divengono materiali da usare al pari del collage, della fotografia, dell’objet trouvèe, della pittura, della scultura, dell’installazione… Materiali con cui ha un rapporto fisico, uno scontro corpo a corpo, con cui conduce quello scontro capace di far nascere un incontro. Un incontro unico e personale. (…) tutto il suo lavoro ha a che fare con la luce… nonostante le ombre e le penombre… una qualità di luce capace di intrecciare una sterminata curiosità intellettuale e una rara potenza creativa”.

Camminando tra gli oltre 1.200 metri quadri dell’allestimento – fra teche, scaffalature, tavoli da lavoro, arredi, suppellettili, ricordi – e assecondando l’istinto di avvicinarsi alle opere per carpirne i segreti si ha l’impressione di instaurare una relazione quasi intima con lo stilista-artista di Alghero, capace di parlare alla memoria collettiva ed individuale, di raccontare le sue passioni e coniugare la ricerca di un percorso solitario alla capacità di comunicare in maniera poetica e trasversale.

triennale.org

www.antoniomarras.it

SCOPRI ANCHE:
Antonio Marras racconta la sua idea di design
Arte, design e moda in un omaggio a Italo Calvino e alla Sardegna


di Carlotta Marelli / 24 Ottobre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web