ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Copiare è un peccato? Ce lo spiega una mostra

Innovazione o imitazione? Al Grand-Hornu una riflessione sul concetto di copia di design, da Le Corbusier a Martino Gamper

L’ultima mostra presentata al CID - Centre of Innovation and Design del Grand-Hornu, in Belgio, tocca un argomento spinoso: quello delle copie nel mondo del design. E proprio perché l’imitazione viene considerata come un peccato mortale, in questo come in altri settori, un fenomeno così vasto e interessante va analizzato senza preconcetti e con grande lucidità.

Con il titolo Ceci n’est pas une copie. Design between Innovation and Imitation, l’esposizione curata da Chris Meplon (fino al 26 febbraio), parte dai primi anni del ‘900 fino ad arrivare ai nostri giorni per dimostrare come spesso i designer che copiano non stiano semplicemente commettendo un’azione illegale e scorretta da un punto di vista etico. I titoli delle diverse sezioni parlano chiaro: Copy to Learn, Copy to Pay Tribute, Copy to Continue. Non mancano riflessioni incentrate sullo sviluppo delle nuove tecnologie, in particolare la stampa 3D, o sulle imitazioni che arrivano dal mercato orientale (East Copies West Copies East Copies).

Il punto di forza di questa ricerca sta, oltre che nella lucidità di analisi, nel vasto numero di designer coinvolti. Sono oltre 50, tra cui spiccano nomi come Alvar Aalto, Maarten Baas, Michele De Lucchi, Hella Jongerius, Ettore Sottsass e tanti altri ancora. In una delle cinque interviste di approfondimento, Martino Gamper ben sintetizza lo spirito di questa operazione: “solo perché qualcuno ha già inventato una tecnica per piegare il legno, non significa che nessun altro lo possa fare. I processi, le forme e gli autori che hanno determinato la nostra storia dovrebbero servire da ispirazione, spingendoci a essere altrettanto coraggiosi, superare i limiti e reinventare le cose”.

www.cid-grand-hornu.be


di Annalisa Rosso / 5 Gennaio 2017
tags:

mostre

CORNER

Design collection

[Design]

La forma della pasta

I cibi del futuro cambieranno forma? Il MIT dice di sì

tecnologia

[Design]

La barca a vela del futuro

Philippe Starck firma il nuovo colosso della nautica

Barche

[Design]

Progettare con uno scopo

8 progetti degli studenti della Central Saint Martins di Londra

Progetti

[Design]

Coffee Break!

5 tazzine d'autore per bersi un caffè senza rinunciare al design.

design e artigianato

[Design]

Non chiamatelo gommone

Tecnorib svela la nuova ammiraglia, veloce e comoda, per Pirelli

Barche

[Design]

Smartwatch alla Vuitton

Il nuovo orologio della Maison per globe-trotter di lusso

Orologi di design

[Design]

Land art nel parco

La villa palladiana più bella d'Inghilterra ospita la mostra di Richard Long

mostre

[Design]

Un viaggio nell'arte

Le strade di Nantes si vestono d'arte per l'estate

Itinerari

[Design]

Il valore del design

Intervista alla curatrice della prossima edizione di Operæ 2017

interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web