ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La mostra di Hiroshi Sambuichi nei sotterranei segreti di Copenhagen

The Cisterns, il grande serbatorio costruito nell’800, ospita la mostra dell’architetto giapponese, aperta fino al tramonto del sole

mostra-hiroshi-sambuichi-water-the-cisterns-copenhagen
Jens Markus Lindhe

Qual è il rapporto tra natura e architettura? Questo è l'ambito che pare voler indagare l’architetto Hiroshi Sambuichi nella sua mostra Water presso lo spazio espositivo The Cisterns a Copenaghen

Sole, acqua e aria: questi sono gli elementi alla base della mostra Water di Hiroshi Sambuichi presso The Cisterns di Copenaghen per i 150 anni delle relazioni diplomatiche tra Danimarca e Giappone. La più grande personale dell’artista fuori dal Giappone resterà aperta fino al 2 febbraio 2018 con lo scopo di mostrare sottolineare il suo approccio ecosostenibile ai fenomeni naturali, quasi una didattica artistica su come affrontare, in scala ecologica, le sfide della globalizzazione di questo secolo. Quella che potremmo definire una performance ambientale nel quale l’artista giapponese si confronta con materie organiche in relazione ad uno spazio determinato dall’uomo e crea qualcosa di nuovo.

Che si voglia affrontare la mostra nel senso stretto della bellezza oppure dare dei significati più profondi collegati alla sostenibilità ambientale, l’esposizione non può lasciare indifferenti grazie ad un viaggio artistico che ci porta, attraverso un mare sotterraneo, a confrontarci col chiaro-scuro di reali zone di luce e ombra. Le sale monumentali pian piano si modificano per entrare in dialogo con il visitatore sempre più affascinato da questo viaggio nelle viscere di una natura sconosciuta e, contemporaneamente, anche dentro a se stesso.

La caratteristica di Sambuichi, e forse di tutti i grandi, è infatti questa: la possibilità di leggere le sue opere su piani di spessore diverso che conducono però tutti ad un più intimistico rapporto con il proprio io. L’artista utilizza i fenomeni naturali come fossero vero e proprio materiale da costruzione che aiutano lo spazio a scoprire le sue specificità. Succede anche in questa mostra dove i seminterrati delle Cisterne, fungono qui non solo da sale di ambientazione ma da veri coprotagonisti di questa mostra. Nati nel 1853, questi grandi serbatoi sotterranei, furono costruiti dagli abitanti di Copenhagen che colpiti da un’epidemia di colera si resero conto che la scarsa igiene dell'acqua della città era una causa principale. L’enorme cisterna di 16 milioni di litri posizionata sotto una collina di fronte al Palazzo di Frederiksberg, ha fornito acqua dolce alla capitale danese fino al 1933, per diventare nel 1996 un regolare spazio espositivo con umidità e temperatura costante.

L’architetto giapponese li ha quindi scelti come spazi espositivi proprio perché la mostra non può precludere dagli spazi stessi che si animano così di un valore nuovo e diverso: il risultato è una vera simbiosi tra spazio architettonico e natura viva e vitale. L’installazione infatti segue il ritmo delle stagioni: come ogni primavera infatti l’antico serbatoio si riempirà d’acqua e questa diventerà elemento di interazione con l’opera d’arte stessa; ma anche la stessa luce naturale, così differente come durata e intensità tra estate e inverno nel nord Europa, avrà un ruolo importante e porterà un ulteriore elemento di dialogo.

All’interno di questa opera ambientale, come un gioco di scatole cinese, si troverà un’altro elemento architettonico: la reinterpretazione del Santuario giapponese Itsukushima sull'isola di Miyajima. Perchè anche lo spettatore possa giocare un ruolo attivo in questa performance ambientale, gli orari di apertura della mostra variano con la durata del giorno per far collimare l’orario di chiusura con il tramonto del sole, alle 15 in inverno e alle 20 in estate. Architetto e artista Hiroshi Sambuichi, nato a Yamaguchi, in Giappone nel 1968, è oggi è uno degli esperti a livello mondiale di architettura sostenibile vista come risultato di un equilibrio virtuoso tra poetica e scienza. Sambuichi è professore onorario alla Royal Danish Academy of Fine Arts.

www.cisternerne.dk

www.frederiksbergmuseerne.dk

SCOPRI ANCHE:
I posti preferiti dei GamFratesi a Copenhagen


di Paola Testoni / 2 Agosto 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Matera contemporanea

6 motivi per cui Matera è straordinaria

itinerari

[Design]

Ping pong di design

Dopo questi tavoli il gioco non sarà più lo stesso

Arredi di design

[Design]

Il design si studia in TV

I documentari più belli da scoprire su Netflix

Costume

[Design]

Dormire tra le nuvole

Letti a castello a scomparsa e sospesi: ecco 3 proposte di design

letti di design

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

Less is more!

L'essenzialità dal minimalismo al riduzionismo

Costume

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web