ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

L’Ordine di Philippe Tabet, una mostra nascosta a Milano

Prima parte di un trittico, la mostra curata da Davide Fabio Colaci e Simple Flair apre le porte di The Box, casa segreta del design in un antico cortile milanesel

mostra-ordine-disordine-caos-the-box-philippe-tabet

Milano, piazza Bertarelli 4: un palazzo settecentesco apre le sue porte al design e si anima di eventi legati alla cultura del progetto. Stiamo parlando di The Box, il progetto di Spotti e studio Colmanni + Minerva che durante il Salone del Mobile aveva accolto le opere di Paolo Gonzato (leggi anche → 7 domande a Paolo Gonzato). A settembre è la volta di un trittico, Ordine, Disordine e Caos.

Si parte dal primo termine con Philippe Tabet, giovane designer francese che ha scelto Milano come sua città d’adozione. 

Il suo è un approccio silenzioso e incisivo, come le maschere mute che ha messo in mostra a The Box. Tre volti, altrettanti materiali e un rimando sottile alle diverse tecniche di lavorazione: come le rughe su un volto raccontano la storia di una vita, qui segni, tagli, colori e incisioni descrivono un processo produttivo. C’è il volto del legno, che si taglia per sfruttare le possibilità di piegatura di questo materiale, che da piano bidimensionale si sviluppa in tre dimensioni; l’alluminio con le nervature che servono per dare solidità al pezzo colato nello stampo; la ceramica con gli anelli lasciati grezzi che indicano il piano d’appoggio nel forno per la cottura.

 

All’Ordine di Tabet seguiranno altri due appuntamenti sul Disordine e il Caos affidati, rispettivamente, ad Astrid Luglio e Mathery Studio, scelti non tanto per analogia caratteriale o corrispondenza ai temi affidati quanto “in base all’empatia e all’attitudine che i designer dimostravano rispetto al tema, in totale naturalezza” spiegano Davide Fabio Colaci e Simona Flacco + Riccardo Crenna di Simple Flair, curatori del progetto in collaborazione con Arper.

“La trilogia nasce con l’idea di ricercare un confronto ‘umanistico’ con il mondo del design. Se è interprete del nostro presente, lo può fare solo attraverso la nostra vita e la nostra esistenza, in maniera dinamica e inattesa. Ordine, Disordine e Caos sono tre visioni possibili del nostro presente in cui il design non deve risolvere solo problemi di ordine funzionale, ma esplorare nuovi significati e valori. È nel quadro di questa condizione che si impone una riflessone critica sui nuovi rapporti che stanno investendo le nostre vite e il progetto”. 

In quest’ottica umanistica si colloca anche la scelta di affiancare ai designer una selezione di incursori provenienti dal mondo del progetto ma anche filosofi, artisti e critici, che hanno arricchito la fase creativa con il proprio contributo critico.

Il risultato di questo progetto sinergico si tradurrà in tre serie di oggetti raccolte in una collezione di design a marchio The Box.


di Carlotta Marelli / 15 Settembre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web