ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

A Philadelphia la mostra di una dei designer più influenti al mondo. Italiana

Il Philadelphia Museum of Art dedica una personale a Patricia Urquiola e alla sua capacità di affrontare con curiosità ed energia qualsiasi progetto

mostra-patricia-urquiola-philadelphia-museum-of-art

Patricia Urquiola vola a Philadelpia, dove il 19 novembre ha inaugurato Patricia Urquiola: Between Craft and Industry, la sua prima personale negli Stati Uniti.

Allestita al Philadelphia Museum of Art, la mostra racconta la sua versatilità nel creare prodotti, interni e architetture guidata da un’inesauribile curiosità ed energia: sono questi gli aspetti che hanno fatto sì che Urquiola diventasse una dei designer più influenti del mondo, che può vantare collaborazioni con decine di aziende in tutto il mondo, da Alessi a B&B Italia passando per Flos, Kartell, Moroso e, più recentemente, la ditta americana Haworth. Oltre, ovviamente, a Cassina, di cui è Art Director dal settembre 2015.

Il fil rouge che lega la produzione della designer italo-spagnola, che si tratti di una borsa che diventa sgabello per Louis Vuitton, di un piatto per Rosenthal, di un rivestimento marmoreo per Budri, di un hotel sul lago di Como o di un bistrot a Milano, è la capacità di coniugare modi di produzioni artigianali e design moderno.

LEGGI ANCHE → Design di Patricia Urquiola e cucina salutista

Tra i tanti progetti in mostra, quello più recente è Openest, l’innovativo sistema sviluppato per gli uffici di Haworth nel Michigan che ben rappresenta la sua ricerca sull’ergonomia e il comfort.

“Urquiola fa parte di una nuova generazione di designer che adottano un approccio umanistico al proprio lavoro”, spiega Donna Corbin, curatrice associata di Louis C. Madeira IV di European Decorative Art, che esalta la sua capacità di “esplorare le possibilità dell'artigianato attraverso le nuove tecnologie, per ottenere qualcosa che sembra familiare ed evoca un senso di comfort”.

fino al 4 marzo 2018
Patricia Urquiola: Between Craft and Industry
Philadelphia Museum of Art 
www.philamuseum.org

 


di Carla Amarillis / 22 Novembre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Ecosostenibilità in ufficio

Con Ore Streams Formafantasma si cimenta sul tema dell'e-waste

arredi per uffici

[Design]

Vico Magistretti: 3 icone

I pezzi ever green di uno dei padri fondatori dell’Italian Design

Oggetti di design

[Design]

Cenerentola a Milano

Arte e design riportano in vita uno spazio disabitato da 40 anni

mostre

[Design]

La religione e il design

L'oggettistica sacra vista dai designer alla Rinascente di Roma

negozi di design

[Design]

Come si sceglie l'anello?

Dall'alta gioielleria allo star system, le tendenze degli engagement rings

Costume

[Design]

Decorazioni islamiche online

Un sito raccoglie centinaia di pattern geometrici

costume

[Design]

Gli specchi di Magrelli

Quando l'uomo scompare resta solo lo spazio

costume

[Design]

I mobili per la vita sedentaria

Una designer polacca immagina il futuro dell'uomo sedentario

scuole

[Design]

Non è solo profumo

Fragranze che si ispirano all'architettura, al cibo e alla moda

design e wellness

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web