ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Marcel Wanders alla Friedman Benda Gallery a Chelsea

Portraits: la prima personale di Marcel Wanders a New York indaga i terreni dark delle emozioni

Alla Friedman Benda Gallery di Chelsea, fino al 9 aprile 2016, la prima personale newyorkese dell’eclettico artista olandese Marcel Wanders s’intitola Portraits. L’allestimento di opere, immagini e video disegna le tappe di un percorso emozionale che indaga la profondità dell’animo e le parti più fragili dell’essere.

Conosciuto per il suo mondo fantastico con i suoi magici arredi (tra cui la Knotted Chair), gli interni eclettici e la creazione di ambienti sempre inaspettati e surreali, Wanders è all’apice di una carriera che dura da 25 anni. Nelle sue ultime creazioni l’istrionico artista da voce alle emozioni più personali: «ho creato un lavoro che rappresenta una combinazione tra artigianato tradizionale e tecnologia con lo scopo di esprimere la parte più intima e fragile di me stesso». Cio’ che emerge è un dualismo vacillante, in bilico tra luce e buio che talvolta esprime «vulnerabilità, delusione e disillusione», sostiene Wanders, art director di MOOI.

Lo spettatore entra così in un mondo fantasmagorico, illusorio e un pò distorto con opere allegoriche come le tre versioni di Dysmorphophobia, gli specchi dalle conformazioni astratte e immaginarie o Self, il mobile in acciaio con una una forma ovoidale in superficie, riproduzione di una testa umana in sospensione. I due vasi monumentali Shiqule Nuhai che si rifanno alla serie di gioielli Delft, dipinti in balck - invece che in blue -, sottolineano il dark mood. Poi l'apice. Con Tempter, l'unicorno a dondolo in bronzo con staffe attaccate a catene di metallo dalle forme scultoree e astratte, il creativo ha dato voce ad un flusso interiore di emozioni. Per lui gli oggetti diventano vere e proprie visioni, fantastiche ed al tempo stesso evocative.

www.friedmanbenda.com

SCOPRI ANCHE:

Il mondo fantastico di Wanders al Salone 2015


di Monica Mascia London / 14 Marzo 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Il filo nascosto

Location e scenografia di un film che sta incantando tutti

Costume

[Design]

Prada al Neon

La sfilata, la nuova Torre della Fondazione Prada e Milano

Costume

[Design]

Il revival degli Shaker

Torna di moda uno stile ascetico e funzionale, antesignano del minimal

Costume

[Design]

3 gazebo per l'estate

Vivere all'aperto non è mai stata così dolce

arredi di design

[Design]

Una casa da re!

Chi firma gli arredi delle residenze reali?

Costume

[Design]

Righe e rossetto per Ikea

La collezione di mobili Ikea firmata da Bea Akerlund

Arredi di design

[Design]

Siamo tutti Dott. Frankenstein

La collezione di Gucci a Milano è un tributo al viaggio interiore

Costume

[Design]

Il ristorante pop up di Nichetto

Alla Stockholm Furniture Fair ci si incontra da Ratatouille

Ristoranti

[Design]

I fondamentali in cucina

La collezione di utensili da cucina Hay Kitchen Market

Accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali