ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La notte di Halloween nello scatto perfetto di un fotografo

Luca Privitera trasforma la celebre zucca intagliata in una moderna Alice in Wonderland in versione manga

notte-di-halloween-foto-luca-privitera
Luca Privitera

La cartolina di Hallowen by We R Food

Un omaggio al fantasy che va oltre il macabro ispirandosi piuttosto al mystery. Così, invitato a interpretare la notte di Halloween attraverso una foto, si esprime Luca Privitera per la piattaforma creativa We R Food, con lo styling di Claudia Cavina.

I riferimenti sono tanti e si incrociano e contaminano nella creazione di un mondo immaginario dai toni dark-orange dove il mito di Jack-o'-lantern, la zucca lavorata a mano caratteristica della tradizione anglosassone che riproduce il volto minaccioso di un uomo illuminato da una candela, lascia il posto a una zucca-manga floreale, dai connotati evidentemente femminili simili a quelli delle bambole kokeshi, che vuole essere una libera interpretazione del personaggio protagonista del libro Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carrol persa nel bosco.

Il tributo alla favola, il cui risvolto inquietante è stato già sottolineato dalla famosa versione cinematografica di Tim Burton, è evidente nella citazione del Bianconiglio, figura cardine della storia che, nella volontà del suo autore, stava ad indicare un evento inaspettato che porta alla comprensione di una realtà superiore che scardina in un sol colpo le convinzioni di una vita. A sua volta il White Rabbit rimanda alle note più cupe del cult-movie del 2001 Donnie Darko del regista Richard Kelly.

É lui dunque, e non la zucca, il personaggio che nella foto dovrebbe incutere timore. Del resto chi non ricorda nel film la scena in cui Donnie e la sorella organizzano una festa proprio nella notte di Halloween che culmina con la morte di Gretchen, la ragazza di Donnie, investita un ragazzo in costume da coniglio che Donnie poi uccide con un colpo di pistola?

LEGGI ANCHE: → 5 designer e una zucca

www.werfood.it

www.cargocollective.com/lucaprivitera


di Alec Cinque / 30 Ottobre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Il successo di un no-brand

Muji non rivela mai i nomi dei designer con cui collabora: ecco perché

Arredi di design

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web