ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Olafur Eliasson a Versailles con installazioni di luce e d’acqua

L'artista danese porta a corte una mostra che si snoda tra le stanze del castello e gli scenografici giardini

Olafur Eliasson è alla Reggia di Versailles per l’appuntamento estivo con l’arte contemporanea internazionale. Le creazioni dell’artista danese sono protagoniste nella mostra che si concluderà il 30 ottobre.

Eliasson invita il visitatore a scoprire la sua visione creativa nelle sale barocche del castello, dense di storia, o fra i grandi spazi verdi, con disegno e geometria alla francese, dei giardini di Versailles. Così come prima di lui avevano fatto Jeff Koons nel 2008, Takashi Murakami nel 2010, Giuseppe Penone nel 2013 e Anish Kapoor l’estate scorsa, solo per citare alcuni dei guest artist che lo hanno preceduto.

Seguendo il pensiero ”L’arte ha la capacità di trasformare le nostre percezioni e la visione del mondo”, Olafur Eliasson mette in scena installazioni luminose, effetti ottici caleidoscopici, giochi di specchi e riflessione o sorprendenti cascate d’acqua, ricreate con dispositivi e tecnologie che ricordano, forse, i macchinari incredibili inventati per divertire il re e la sua corte nel XVIII secolo.

Ogni opera è studiata in rapporto allo spazio in cui è collocata e in modo da fornire al visitatore un’esperienza di visita e relazione attiva, multisensoriale. “La Versailles che ho immaginato vuole portare uno sguardo differente, rispetto al passato . È un luogo nel quale ciascuno deve esercitare il proprio controllo, senza lasciarsi incantare dall’abbagliante grandeur e dal potere della monarchia. Vuole essere un invito ad aprire i sensi, a cogliere l’inaspettato, a perdersi nei giardini e sentire il paesaggio che prende forma grazie al loro movimento“, spiega l’artista.

Negli immensi labirinti verdi si trovano Fog assembly, Glacial rock flour garden e Waterfall,tre installazioni che “utilizzano l’acqua e la nebbia per amplificare il sentimento di impermanenza e trasformazione. Le opere stemperano la disposizione formale dei giardini e fanno rivivere l’idea originale del paesaggista del Re Sole,André Le Nôtre: una cascata lungo l’asse principale del Gran Canal”,sottolinea Eliasson. La maestosa opera artificiale con elementi costruttivi a vista enfatizza l’idea dell’ingegnosità e immaginazione umana.

All’interno, invece, nell’architettura barocca del castello, Eliasson ha realizzato cinque sottili interventi spaziali, utilizzando specchi e luci che giocano con il movimento e la percezione visiva: The curious museum, Your sense of unity (nella splendida Salle de Glaces), Deep mirror, Solar compressione The gaze of Versailles.

Le sue creazioni spettacolari ricostruiscono altre realtà e svelano una nuova percezione dello spazio, inducendo un meraviglioso spaesamento. Come del resto ci aveva già abituato, con il tramonto del sole nell’immensa Turbine Hall della Tate Modern di Londra (The Weather Project, 2003), nella realizzazione di gigantesche cascate artificiali a New York (The New York City Waterfalls, 2008) o ancora nel fiume che percorre un paesaggio roccioso all’interno del Louisiana Museum of Modern Art in Danimarca (Riverbed, 2014), per ricordare solo alcuni dei suoi lavori.

www.olafureliasson.net

SCOPRI ANCHE:
A caccia di luce
Quattro passi nell'arcobaleno


di Silvia Airoldi / 20 Giugno 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Cielo il mio veicolo!

La concept car davvero intelligente di Honda, pensata per il ride sharing

auto di design, honda

[Design]

Creare storie con le dita

Toontastic 3d è l’app di Google per creare cartoni animati

Tecnologia

[Design]

Una visione sulla visione

Una mostra sugli occhiali tra passato e futuro al Design Museum di Holon

mostre

[Design]

Tutto un luccichio!

Sequin o paillettes, i lustrini anticipano la primavera

accessori di design

[Design]

Design celestiale

Astronomia e tempo sono i protagonisti di “The Art of Celestial Mechanics”

mostre

[Design]

Colori, architettura e natura

L'occhio naïf di Aurore Bano in una mostra fotografica a Milano

mostre

[Design]

Regali rosso Valentino

10 regali San Valentino per lui e per lei rigorosamente total red

San Valentino

[Design]

Vivere in viaggio

Profili Instagram di 5 travel blogger da seguire se ami viaggiare

Top Ten

[Design]

Attrezzi per cuochi creativi

Il mattarello in legno cambia aspetto e, intagliato, decora l'impasto

Accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web