ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Cosa fa Paola Navone a Hong Kong

L'architetto e designer milanese firma il restyling della celebre boutique multimarca Joyce

1

La boutique Joyce a Hong Kong, ridisegnata da Paola Navone con l'obiettivo di presentare la moda al mondo orientale sotto forma di arte.

È firmato Paola Navone il restyling della boutique Joyce, epicentro della moda di Hong Kong fin dai primi anni '70 che ha giocato un ruolo fondamentale nell'introduzione in Cina di brand occidentali come Alexander McQueen, Balenciaga e Rick Owens (leggi anche → Interni casa di campagna in Umbria ristrutturata da Paola Navone).

L'obiettivo, è sempre stato quello di presentare la moda al mondo orientale sotto forma di arte.
Questo stesso concetto, è stato il brief che Paola Navone ha seguito nel suo progetto di ristrutturazione del negozio, che ha appena riaperto le sue porte (leggi anche → 5 negozi dove moda e design si incontrano).

“Volevo creare una serie di aree connesse tra loro, che suscitassero interesse nel pubblico di passaggio, e ne favorissero il flusso costante. Ho cercato di trasformare qualcosa che apparentemente è considerato normale, in un'esperienza straordinaria”, racconta la designer.

Al piano seminterrato, dedicato alle collezioni uomo, la Navone applica un concetto di design più industriale, con un tocco luxury. Qui, gioca con materiali contrastanti: finiture grezze e lussuose, texture lisce e ruvide, e pezzi vintage uniti a elementi contemporanei. La scelta cromatica non è casuale, e la presenza del blu, particolarmente amato dalla designer, si sviluppa su più toni.

Al piano terra si trovano le collezioni donna, e qui, è un carnevale di texture e fantasie. Gabbie di metallo bianco incastrate al soffitto che sostengono grandi appendiabiti, danno l'impressione di essere le rastrelliere galleggianti che si trovano nella città. Al centro, le rigide linee di un divano Cappellini e un morbido tappeto grigio si contrappongono e creano un ambiente lounge per una pausa durante lo shopping.

Sulla tromba delle scale, che ospita una scultura in ceramica composta da palle di luce sfalsate, la Navone ha fatto punteggiare le pareti con pois bianchi dipinti in maniera imprecisa. "Ho dovuto convincere i pittori che non era necessario fare un lavoro perfetto. Il mio obiettivo, era promuovere l'imperfezione”.

Al primo piano, si trova Joyce Beauty, con un pavimento speciale realizzato con resina colata color pastello, ad opera di artigiani italiani. L'effetto, è quello del movimento che creano i prodotti di bellezza una volta versati.

La punta di diamante, è il Joyce loft, un appartamento VIP nascosto che si estende su 2700mq. Formato da tre sale, può ospitare fino a 30 persone per un pranzo d'eccezione, grazie alla rimozione dei pannelli dalle pareti e il loro utilizzo come piani per il tavolo.

Le luci sono in installazioni artistiche che adornano ogni stanza. Colpisce in modo particolare un lampadario antico appartenente ad una vecchia nave parigina, che galleggia sognante all'ingresso, ad altezza d'uomo.

www.joyce.com

www.paolanavone.it


di Valentina Mariani / 14 Ottobre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Una vetrina per il tempo

Una pendola icona rinasce in un corpo trasparente e contemporaneo

Natale

[Design]

Think Pink

Le surreali Porsche rosa di Chris Labrooy a Palm Spring

installazioni

[Design]

Marble passion

10 proposte celebrano il materiale evergreen per eccellenza

accessori di design

[Design]

Suda e ti dirò chi sei

Un cerotto multiuso per sportivi che monitora l'idratazione

tecnologia

[Design]

Dirotta su Cuba

Fermento culturale e antichi spiriti da scoprire nell'isola caraibica

itinerari

[Design]

Hanoi vista dall'alto

Le colorate fotografie degli ambulanti vietnamiti in bicicletta

Itinerari

[Design]

Nuove frontiere dell’arte

Groviglio di pixel per l’arte virtuale di Miguel Chevalier

mostre

[Design]

Chilling in New York

Un’installazione temporanea invita al relax nella grande mela

installazioni

[Design]

Design Museum, la prima

Una mostra dal titolo Fear and Love inaugura in Kensington High Street

Mostre

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web