ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Al Park Avenue Armory la mostra di Martin Creed The back door

A New York la personale dell'istrionico artista inglese occupa il primo piano dell'edificio rinnovato da Herzog & de Meuron con installazioni video

park-avenue-armory-mostra-marten-creed-palloncini
James Ewing

Una delle installazioni di Marten Creed al Park Avenue Armory di New York, visitabile fino al 7 agosto 2016.

Al Park Avenue Armory di New York inaugura la personale di Martin Creed dal titolo “The back door” (aperta fino il 7 agosto). In mostra i lavori realizzati nel corso degli ultimi venti anni dal geniale artista inglese.

È la prima volta che una personale occupa l’intero primo piano dell’iconico building dell’upper east side, con gli interni rinnovati dall’architetto Herzog & de Meuron. L’istrionico artista presenta una nuova serie di installazioni video, come quello pensato per la gigantesca Drill Hall (normalmente usata per installazioni di grande scala) che diventa un camera buia in cui vengono proiettati immagini video di visi umani in slow motion, illuminata a tratti dal movimento ripetuto di una saracinesca di servizio (da qui il titolo della mostra Back Door) che si apre e chiude nel retro, affacciandosi sulla strada.

La mostra segna la più grande personale dell’artista in America: in scena i lavori più eccentrici e stravaganti, compresi installazioni cinetiche, sculture sequenziali, dipinti e fotografie che occupano le sale storiche e eleganti dell’Armory, a metà tra palazzo e industrial space.

Un mix di opere che contrastano con gli elementi storici e l’arredo dello spazio espositivo non certo convenzionale, come gli autoritratti di Creed e le foto dei suoi amici appesi nella stanza degli ufficiali, scandita dal ritmo di metronomi antichi, e le pareti dipinte con linee geometriche sequenziali e stilizzate che stridono nella pomposa struttura del palazzo ricco di elementi classici.

Non mancano sculture e mobili accatastati sino a formare delle piramidi e tra le opere più conosciute: Work n.127 ten lights going on and off, una sala con luci che si accendono e spengono ogni cinque secondi e Work no. 200 Half the air in a given space: una stanza riempita a meta’ da palloncini gonfiati tutti bianchi. Un sipario posto al centro del piano espositivo apre e chiude le quinte ripetutamente ad una banda itinerante che suona le composizioni create dall’artista inducendo il visitatore a muoversi liberamente nello spazio espositivo privo di segnaletiche e visitare i mondi allusivi e sorprendenti di Creed al di la’ di ogni sala d’epoca.

www.armoryonpark.org

SCOPRI ANCHE:
Richard Serra in mostra alla Gagosian Gallery
4 mostre a New York
L'arte contemporanea a New York City


di Monica Mascia London / 24 Giugno 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Essere hipster a Dubai

Alla scoperta di Alserkal Avenue, il distretto creativo della città

Travel

[Design]

Patricia a Philadephia

La prima personale di Patricia Urquiola negli Stati Uniti

mostre

[Design]

Un bagno dall'anima ricercata

Arredi pensati per un ambiente intimo e di carattere

bagni di design

[Design]

A piedi nudi nel parco

I sandali Pébiott, ideali per riscoprire la camminata “primitiva”

moda e design

[Design]

Black Friday di design

5 siti di design dove fare acquisti all'insegna della convenienza

Oggetti di design

[Design]

A tavola con India Mahdavi

La designer firma per Monoprix una collezione dal sapore etnico

accessori di design

[Design]

Il futuro del design è a Dubai

Global Grad Show: 200 progetti per rendere il mondo un posto migliore

mostre

[Design]

5 icone di colore rosso

A Natale la zona living si tinge di rosso

Oggetti di design

[Design]

Tra Sol Le Witt e l'architettura

Rem Koolhaas e Francesco Stocchi rileggono a Milano la sua opera

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web