ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Una piccolissima città nata sui binari ferroviari in una periferia della Danimarca

lo studio AART architects progetta dei vagoni ferroviari pop-up con albergo, fiorista e concept store nella città di Aarhus

01-periferia-aart-architects-vagoni-ferroviari-pop-up-danimarca
AART architects

La periferia non andrebbe mai abbandonata e lo studio AART architects lo sa bene, così progetta dei vagoni ferroviari pop-up che vanno ad occupare i binari in disuso della città di Aarhus, in Danimarca. Siamo in un’area industriale desolata ai margini della città, che aspetta da tempo un intervento di riqualificazione che tarda ad arrivare. Ma né AART architects né l’organizzazione no-profit Givisme hanno intenzione di stare con le mani in mano e realizzano un progetto di architettura partecipata.

Lo studio mette a disposizione il suo know how nel campo del design mentre la comunità muscoli e sudore. Il risultato sono una serie di piccole architetture mobili dotate di ruote che portano sui binari nuove attività. C’è un Hotel a camera singola, una boutique di lifestyle brand, una serra pubblica e perfino il seggio elettorale per le imminenti elezioni. E l’operazione non finisce qui! Mentre queste carrozze sono già state costruite, il piano prevede di aggiungerne altre entro la fine dell’anno. Già durante il Festival della Musica Nordica, che si è tenuto nelle vicinanze, le unità sono state adattate per includere un bar e una farmacia. Nel complesso il progetto ha voluto iniettare nuova linfa vitale nella periferia urbana stimolando il senso di appartenenza e di comunità.

D’altronde l’architettura partecipata, tra sogno e utopia, ha da subito avuto questa missione. Le sue radici affondano nell’Italia degli anni sessanta con Giancarlo De Carlo, uno dei membri del TeamX. Poi per molti anni il tema è caduto nel dimenticatoio della teoria architettonica, forse per il difficile coordinamento dei progetti (alla fine chi prende le decisioni?) ma soprattutto per la supremazia degli interessi finanziari. Tuttavia il tema della partecipazione, legato al concetto di open source, oggi sembra essere tornato di grande interesse. Un esempio è il libro di Carlo Ratti (architetto torinese e docente al MIT di Boston) “Architettura Open Source”. In questo testo (abbastanza visionario) si prospetta un’architettura del futuro realizzata da stampanti 3d e frese computerizzate sulla base di modelli digitali prodotti collettivamente, quindi per l’appunto Open Source. Non sappiamo se questo tipo di scenario si avvererà, però rimane ineguagliabile la capacità di creare senso di appartenenza e attaccamento alla comunità di un progetto realizzato collettivamente, seppur piccolo come quello di un vagone pop-up.

aart.dk

LEGGI ANCHE:

Attraversando la Danimarca: cosa vedere su suggerimenti della designer Louise Campbell

Come costruire una casa in legno che si mimetizza con la natura

 


di Pietro Terzini / 7 Agosto 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Dormire tra le nuvole

Letti a castello a scomparsa e sospesi: ecco 3 proposte di design

letti di design

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

Less is more!

L'essenzialità dal minimalismo al riduzionismo

Costume

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

[Design]

Piscine Milanesi in scena

Un progetto fotografico dal sapore vintage firmato Stefan Giftthaler

fotografia

[Design]

Fenicotteri rosa ovunque!

Interior design, moda, social, la parola chiave è “flamingo”

Costume

[Design]

Il ritorno della Fashion Age spaziale

Breve storia della spacemania che ha contagiato la moda

moda e design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web