ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Una mostra fotografica racconta la bellezza femminile di Peter Lindbergh

L'autore delle foto del Calendario Pirelli 2017 che ha rivoluzionato l'immagine di moda e femminilità associandola a contesti urbani comuni

Ha rivoluzionato l’immagine di moda e femminilità: Peter Lindbergh, pseudonimo di Peter Brodbeck, nasce nel 1944 a Leszno in Slesia (Polonia) e diventa fotografo un po' per caso. La sua carriera e il suo modo di guardare la realtà sono raccontate in una retrospettiva fotografica al Kunsthal di Rotterdam dal titolo Peter Lindbergh. A Different Vision on Fashion Photography aperta fino al 12 febbraio 2017.

Un lavoro - che lo ha portato ad essere, per la terza volta, l'autore del famoso e ricercato Calendario Pirelli edizione 2017 – scelto per caso. È lui stesso ad ammettere: «Quando avevo 29 anni e stavo attraversando una crisi profonda che mi portò a lasciare la pittura, un amico mi fece sapere che uno studio fotografico stava cercando un assistente. Se il suo panettiere avesse cercato un garzone, adesso sarei lì a sfornare pagnotte» e aggiunge «il mio capo era negato per la fotografia, superarlo non è stato difficile, in breve tempo mi sono messo in proprio».

E infatti nel 1973, dopo essere stato per due anni assistente di Hans Lux, apre il proprio studio a Düsseldorf e diventa un fotografo di moda che con il glamour non ha niente a che fare. «La corsa all’effetto zero-difetti e la ricerca di bambole sempre più giovani e magre, non mi ha mai entusiasmato».

Nelle sue immagini, spesso in bianco e nero, a comunicare sono soprattutto i tratti della modella. La sua scelta di ambientare le foto in scenari urbani non è ovviamente un caso: l’abito finisce in secondo piano in modo tale da privilegiare la personalità di chi lo indossa.

Lo stile di Lindbergh diventa così immediatamente riconoscibile proprio grazie all’attenzione partecipe alla figura umana e il successo arriva proprio grazie a questo stile assolutamente innovativo e in controtendenza rispetto alle mode della fine degli anni ’70.

Nessuna scenografia esotica o studi patinati, le ambientazioni sono volutamente normali, comuni scenari di una vita quotidiana per una donna impegnata in cose consuete, mentre tutto l’interesse va al volto che, da solo, è capace di raccontare una storia.

«Nella foto di moda quello che conta è la donna, con la sua personalità. Non riescono a capire che il vestito non è fondamentale» afferma Lindbergh che aggiunge «dovrebbe essere proprio la responsabilità dei fotografi di oggi: liberare le donne e, infine, tutti, dal terrore della gioventù e della perfezione».

Le opere di Lindbergh fanno parte di molte collezioni prestigiose tra cui quelle del Victoria & Albert Museum di Londra e del Metropolitan Museum of Art di New York, e sono apparse in numerose mostre come quella presso il Centre Georges Pompidou di Parigi.

www.kunsthal.nl
www.peterlindbergh.com

SCOPRI ANCHE:

Annie Leibovitz a Milano con una mostra di foto dedicata al mondo femminile
Una mostra fotografica al Barbican Centre di Londra: Strange and Familiar


di Paola Testoni / 21 Settembre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Il suono dell'architettura

Al Design Museum Holon una mostra sul rapporto tra suono e design

mostre

[Design]

Un'Abarth in versione marinara

Riva e Abarth lanciano Abarth 605 Rivale in serie limitata

Automobili di design

[Design]

La top 7 di documenta 14

7 cose da non perdere alla manifestazione d'arte di Kassel

fiere

[Design]

In barca sul lago d'Iseo

In gita sull'ultimo yacht di lusso dei cantieri Riva

Barche

[Design]

In Sardegna con le spalle al mare

7 posti segreti dell'entroterra sardo da scoprire

itinerari

[Design]

Tu lo conosci HENSE?

Il writer che dai muri di Atlanta ha conquistato l’America

design e arte

[Design]

Treni, arte e nostalgia

Viaggi indimenticabili col mezzo più romantico che c’è

itinerari

[Design]

Goldie rivela chi è Banksy

Gaffe del produttore durante un'intervista radiofonica

street art

[Design]

Ci vediamo a Roma?

Le mostre più belle da vedere in questi giorni d’estate

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web