ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Le opere di Picasso invadono le coste del mare del nord

Una mostra racconta la scultura dell'artista malagheno tra purezza formale e giocosità delle tematiche

opere-picasso-01

Le opere di Pablo Picasso in mostra a Scheveningen, località balnerare a pochi chilometri da l’Aia, sul mare del nord

Invasione di alieni pacifici o opere di Picasso? Le sorprendenti statue dell'artista malaghegno appaiono subito a loro agio nell'orizzonte infinito di Scheveningen, località balnerare a pochi chilometri da L’Aia, scelta dal Museo Beelden aan Zee per la sua consueta mostra invernale.

Qui, fino al 5 marzo 2017, sono esposte le sculture di Pablo Picasso (1881 – 1973) e le sue opere in ceramica realizzate dopo il 1947, caratterizzate da colori caldi a lui cari del mediterraneo. La mostra – intitoalta Picasso by the Sea - è costituita da esemplari unici di notevoli dimensioni oltre a opere realizzate in ceramica e sculture eccezionali provenienti dalle migliori collezioni private e da musei di tutta Europa, alcuni dei quali mai esposti prima in Olanda.

Rispetto ai suoi dipinti, le opere scultoree di Picasso hanno goduto di scarsa attenzione nonostante che l’artista sia considerato - non a torto - uno dei pionieri della scultura moderna: fu lui ad introdurre la cosiddetta open sculpture, ovvero opere costituite non da una, bensì da più forme.

Con le sue nature morte cubiste, fece diventare protagonisti proprio gli oggetti di uso quotidiano avendo il coraggio di sostituire i tradizionali materiali scultorei come pietra, legno e bronzo con risorse alternative quali stagno, ferro e objets trouvés comuni.

L’artista, che per anni si era lamentato della transitorietà della pittura, venne attratto dall’eterna durevolezza, dalla plasticità e dalla brillantezza della ceramica. Da grande virtuoso, Picasso scelse la forma del vaso come punto di partenza, proiettando su di essa le proprie immagini che da piatte assunsero forme di donna, gufi o mani.

Le tematiche sono di grande semplicità: oltre alle donne, che giocano un ruolo centrale nella sua arte, anche gli animali compaiono di frequente. Da entusiasta della corrida spagnola, all’epoca molto popolare anche nel sud della Francia, Picasso decora le proprie ceramiche con tori, toreri, picadores e cavalli ma il suo modello preferito resta comunque il gufo, dopo che un esemplare del volatile notturno si introdusse nel Château Grimaldi di Antibes mentre l’artista era all’opera.

Il museo Beelden aan Zee affacciato sul Mare del Nord e circondato dalla spiaggia e dalle dune di Scheveningen, custodisce una collezione di sculture permanente e ospita a rotazione mostre dedicate a scultori contemporanei. Le sculture sono esposte nelle sale, nei cortili e sulle terrazze affacciate sul mare.

www.museumbeeldenaanzee.nl/en
www.holland.com
SCOPRI ANCHE:

Torino Mostre: Operae 2016, i migliori progetti
Artissima Torino 2016: tutto quello che dovete sapere
Allo Stedelijk Museum Amsterdam va in scena il social design


di Paola Testoni / 10 Novembre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Il successo di un no-brand

Muji non rivela mai i nomi dei designer con cui collabora: ecco perché

Arredi di design

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web