ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Perché la Corea del Sud è il futuro della moda secondo Pitti Uomo

I designer coreani emergenti affascinati dall’estetica europea sfilano a Firenze mixando street style e linee classiche

pitti-uomo-moda-stilisti-coreani-concept-korea
Vanni Bassetti

Con Concept Korea, Pitti Uomo indica ancora una volta la Corea del Sud come uno dei luoghi più interessanti in cui fare ricerca nell’ambito della moda maschile e continua a promuovere il ricco patrimonio creativo proveniente dall’Asia ospitando BMUET(TE) by Byungmun Seo & Jina Um e ORDINARY PEOPLE.

Mentre il primo, attivo dal 2012, si è distinto sin dalla prima collezione per l’approccio genderless, che già in quegli anni si riaffacciava con forza nel fashion system globale, unito ad una costruzione del capo virtuosa nei tagli e ricercata nei tessuti, il secondo, dal 2011, gioca con un’immagine più europea, dove lo street style caro ai mercati è spesso ridimensionato dalle linee classiche della sartoria di matrice italiana.

BMUET(TE) by Byungmun Seo & Jina Um

Lana, pelliccia, pelle e cotone sono i materiali scelti dal duo Seo Um, che li ha immaginati applicandoli a un’estetica freak a metà strada tra il Neo Gotico e l’opera dell’artista tedesco Hans Bellmer. Il risultato, ancora una volta, privilegia la scomposizione della struttura del corpo umano, ora ingabbiandolo, ora liberandone alcune parti. Nero, grigio, bianco e blue navy sono i colori portanti. Perfettamente inserita in questo contesto concettuale, la collaborazione del brand con RE; CODE, marchio di up-cycling che ricicla e valorizza prodotti non più utilizzati per creare stili innovativi.

BMUET(TE) by Byungmun Seo & Jina Um

Ordinary People

Cambio di scena e di atmosfere, in un’orizzonte diametralmente opposto, ORDINARY PEOPLE ha presentato a Firenze la sua “Oh My God Me So Fine”, tutta giocata sul dandismo pop. Un uomo “sexy e affascinante”, secondo la definizione del team OP, colorato - beige, arancione, viola, dominano la collezione - che abbina le morbidezze della lana e del cashmere alla mano elegante del velluto e le sferza, giocosamente, con il poliestere e perle ricamate.

Ordinary People

Nell’insieme è emersa l’immagine di un design che sembra aver studiato a fondo quello europeo e, senza cercare di compiacerlo, ne ha dato un’interpretazione neutrale, ricca di spunti critici per i creativi del Vecchio Continente: osservando con attenzione quegli elementi che possono sembrare “già visti” è infatti possibile rintracciare la chiave di volta far compiere alla moda quell’ulteriore passo in avanti che le permette ogni volta di reinventarsi.

Concept Korea è frutto di una collaborazione di Pitti Immagine con KOCCA - Korea Creative Concept Agency.


di Manuele Menconi / 11 Gennaio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Rompicapo alla vecchia maniera

5 giochi di logica tascabili su carta per dimenticare app e digital games

Accessori di design

[Design]

Pininfarina disegna un 85 metri

Soluzioni di car design per una fuori serie del mare di Fincantieri

Barche

[Design]

Nuovo stile army

Dettagli d'artiglieria militare per la collezione BAS-ITO di Myar

moda e design

[Design]

L'eroina di Puerto Rico

Si chiama La Borinqueña e può controllare gli uragani

illustrazioni

[Design]

Un vortice d’arte

Musica e gioielli nella mostra di Zoe Robertson FlockOmania

mostre

[Design]

Idee in arrivo dall’Africa

Una nuova creatività da scoprire tra design, moda e architettura

Libri

[Design]

Make up a prova di selfie

Con JUNO Smart Mirror truccarsi non è mai stato così facile

Tecnologia

[Design]

Notte a L/egolandia

Le opere di Nathan Sawaya e la musica di Le Cannibale a Milano

mostre

[Design]

La palestra dello stile

Paul Smith firma una performance acrobatica per Pitti Uomo

moda e design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web