ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Pokemon go e gli altri videogiochi di realtà aumentata in relazione agli spazi urbani

Una riflessione sulla storia dei giochi di realtà aumentata, tra aspetti positivi, limiti e critiche

 pokemon-go-relazione-videogiochi-spazio-urbano
Getty Images

La mania collettiva degli ultimi tempi per Pokémon Go concede quanto meno di rivalutare la storia dei videogiochi di realtà aumentata e la loro relazione con lo spazio urbano.

Sono infatti almeno dieci anni che reality game, pervasive game o anche solo exergame – ovvero tutti quei giochi che si estendono all’universo fisico dei giocatori e a volte ne richiedono anche l’intervento dinamico – hanno un certo seguito sul mercato, pur senza essersi naturalmente mai avvicinati ai numeri record dell’app.

Anzi, era ancora soltanto il 2001 quando veniva lanciato Majestic, un gioco di Electronic Arts in cui coloro che si registravano iniziavano a ricevere messaggi telefonici o telematici con indicazioni di luoghi reali da raggiungere per proseguire il gioco, mentre solo qualche anno più tardi Plundr trasformava hotspot wi-fi in isole di gioco in cui i giocatori dovevano fisicamente spostarsi.

Anche Mogi a Tokyo e Botfighters in Svezia prevedevano un’interazione con l’ambiente esterno per reperire creature o armi virtuali, e appena tre anni fa è stata la medesima Niantic di Pokémon Go ad immettere sul mercato Ingress, la cui mappatura dei punti di interesse risulta praticamente identica a quella dei Pokéstop e delle Pokégym, ma che ha uno sviluppo narrativo fantascientifico senza dubbio più articolato ed effettivamente subordinato all’impiego della realtà aumentata: dallo scanner del proprio dispositivo ciascun membro delle due fazioni, gli Enlightened e la Resistance, può vedere sulla mappa della propria città, oltre a strade e palazzi reali, anche la densità di XM (la materia esotica di provenienza spaziale), i portali, i collegamenti tra portali e i campi di controllo.

La realtà aumentata, fin da quando veniva solo preconizzata in libri e film di fantascienza, si presta infatti ad applicazioni pratiche e scientifiche ben più interessanti di quelle offerte da un MMO (un “massively multiplayer online” game) qual è Pokémon Go, che non riesce a fondere davvero live cam e computer grafica, ma al massimo a sovraimporli, senza fornire informazioni aggiuntive inaccessibili ai nostri sensi e quindi una comprensione più profonda del mondo reale o di quello di fantascienza che vuole raccontare. È senza dubbio apprezzabile la validità di Pokémon Go come incentivo all’attività fisica e come esperimento o collante sociale, considerando quanti aneddoti stanno già fioccando sugli incontri improbabili nati dalla comune ricerca di mostri virtuali. Ci si potrebbe anche compiacere dell’inevitabile riscoperta di certi spazi urbani o suburbani altrimenti non considerati, nonostante già dopo pochi giorni alcuni musei e luoghi di culto abbiano dovuto fare appello al rispetto e al buonsenso e richiedere la propria rimozione dalle mappe del videogame. 

SCOPRI ANCHE:

Il design interattivo dell'ECAL al Fuorisalone
A Milano il futuro del design con la XXI Triennale


di Lia Morreale / 18 Luglio 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web