ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il video in cui 60 persone provano un set di posate inventato da 12 artisti

Tre chef stellati e sette portate, da mangiare con oggetti d'artista pensati dal collettivo Steinbeisser per farci tornare a mangiare lentamente

posate-12-artisti-steinbeisser-experimental-gastronomy
courtesy Steinbeisser

Riso con condimenti assortiti dallo chef Corey Lee (Benu) servito su un piatto di ceramica ripiegata di Felt + Fat.

Avete mai osservato come ogni dettaglio delle posate che normalmente portiamo in tavola sia pensato per facilitare il compito di mangiare? O a quella spiacevole sensazione di poca padronanza di sé che si prova la prima volta che si maneggiano le bacchette cinesi? Il collettivo olandese Steinbeisser (che letteralmente significa “mordere una pietra”), con il suo progetto di “experimental gastronomy” in cui orchestra collaborazioni tra chef e artisti per stravolgere la concezione del pranzo in ogni suo aspetto ha approfondito l'argomento.

L’occasione è una cena esclusiva organizzata al Montalvo Arts Center di Saratoga, nord della California, durante la duale Steinbeisser ha sfidato i rinomati chef della Bay Area David Kinch, Corey Lee e Daniel Patterson a servire una cena di sette portate per sessanta ospiti utilizzando solo ingredienti locali, biodinamici, e vegani… da mangiare con set di posate e piatti ripensati da dodici artisti come antitesi all’efficiente e funzionale.

Un post condiviso da Steinbeisser (@steinbeisserorg) in data:

 

Il risultato surreale, in cui apparivano parimenti confusi chef e ospiti, è stato ripreso in un breve documentario del New Yorker ed è un bel racconto di problem-solving, e anche una riflessione sugli utensili del nostro quotidiano, oggetti quasi perfetti nella loro funzionalità che cambiando forma stravolgono il meccanismo del mangiare costringendoci a trovare la lentezza giusta che serve ad assaporare un piatto. Ma non solo: rallentare ogni aspetto di un pasto vuol dire anche ritrovare il tempo necessario per comprendere le connessioni che il cibo ha con la nostra salute, la storia, la cultura, l'ambiente, l'economia e la società. E il design aiuta.

 

www.steinbeisser.org

SCOPRI ANCHE:
Chef rubio cambia look alla pasta ripiena
→ Il food design secondo Matteo Ragni al Fuorisalone 2017


di Carlotta Marelli / 6 Luglio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web