ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Le Proiezioni di Cristina Celestino: benvenuti in un luogo dove quello che appare è altro da sé

A Roma l'allestimento site specific ospitato da Cantiere Galli Design

Proiezioni_01-ok
Silvana Spera

Proiezioni, l'allestimento site specific di Cristina Celestino per Cantiere Galli Design a Roma

Roma: la città eterna è sempre più spesso scenario di interessanti incursioni nel mondo del design. L'ultima in ordine cronologico è quella del progetto site specific firmato da Cristina Celestino nello spazio di Cantiere Galli Design, l'interior design center fondato da Eleonora Galli, aperto da poco nei pressi del Gazometro di via Ostiense (leggi anche: L'interior design a Roma).

Intitolato  Proiezioni, l'allestimento rappresenta la seconda tappa della rassegna culturale Una stanza tutta per sé, ideata da Domitilla Dardi su ispirazione di un celebre saggio di Virginia Woolf, inaugurata lo scorso febbraio con Beata Solitudo, la casa per eremiti firmata dal giovane Giuseppe Arezzi.

La curatrice come  filo conduttore del palinsesto ha scelto il tema Personale/Condiviso nell'era dei social network, un argomento di urgente attualità in un epoca in cui "ognuno sente il bisogno di comunicare al mondo la propria personalità per esistere: le passioni, i gusti, la playlist dell’esistenza".

Cristina Celestino racconta a proposito dell'opera : «Nell’ordine naturale delle cose l’interno è uno spazio prevalentemente intimo e personale e quello esterno è dedicato alla socializzazione e condivisione. Ma cosa avviene se questo assetto viene sovvertito? (…) Benvenuti in un luogo dove quello che appare è altro da sé».

L'effetto finale, una stanza dai toni pastello con al centro una sedia a sdraio come quelle delle spiagge e grandi finestre a specchio con ricchi tendaggi, è spaesante e scenografico allo stesso tempo con un tocco di teatralità. L'ambiguità si manifesta nello scambio di ruoli tra essenza e apparenza, interno ed esterno, cielo e terra, giorno e notte, opaco e trasparente. Un senso di rovesciamento, di capovolgimento, è suggerito da due grandi ombrelli capovolti che si rivelano due lampadari che potrebbero sembrare due soli. A smorzarne la luce è un cielo notturno fitto di stelle impresso sulle finestre.

Proiezioni
Cantiere Galli Design
Roma, via Antonio Pacinotti 63
info: 06/55363646 – info@cantieregallidesign.com

 


di Alec Cinque / 16 Giugno 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web