ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Chi sta protestando contro l'installazione di Ai Wewei a New York?

Good Fences Make Good Neighbors scatena le proteste del "vicinato", preoccupato che intacchi l'integrità artistica del famoso Arco di Washington

proteste-installazione-ai-weiwei-new-york
courtesy Ai Weiwei Studio

Ormai lo sappiamo, qualsiasi intervento di Ai Weiwei lascia dietro di sé una scia di polemiche: dopo una lunga serie di controversie con il governo cinese (che gli ha ritirato il passaporto per 4 anni), l’artista cinese ha dovuto affrontare, solo per citarne alcuni, il governo della Gran Bretagna e la multinazionale del mattoncino colorato Lego.

L’ultima opera, Good Fences Make Good Neighbors, commissionata dal Public Art Found di New York in occasione del suo 40esimo anniversario e prevista per un periodo che andrà dal 12 ottobre all'11 febbraio, non poteva essere da meno. 

Mentre il presidente Trump annuncia di vuole raccogliere fondi per costruire un muro lungo il confine con il Messico, Ai Weiwei (in questi giorni alla Mostra del Cinema di Venezia con un lungometraggio dedicato ai flussi migratori che stanno interessando il Mediterraneo) immagina oltre 100 recinzioni distribuite per la città per riflettere sul tema dei confine e dell’immigrazione, con un titolo che fa riferimento alla poesia di Robert Frost Mending Wall, in cui la frase  “Good fences make good neighbors” viene ripetuta come un ritornello misterioso. 

courtesy Ai Weiwei Studio

Il progetto è protagonista di una campagna su Kickstarter, in cui Ai Wei Wei spiega quanto sia "importante ricordare che mentre le barriere sono state utilizzate per dividerci, come esseri umani siamo tutti uguali. Alcuni sono più privilegiati di altri, ma con tale privilegio arriva una responsabilità per fare di più".  

Questa volta a insorgere è la Washington Square Association, sostenendo che l’installazione comprometterebbe l'integrità artistica del famoso Arco di Washington e disturberebbe l'illuminazione annuale durante le feste natalizie.

Ironia del buon vicinato.

 


di Carla Amarillis / 2 Settembre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web