ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Gli oggetti di Alessi che non potrete mai comprare in mostra a Milano

Alla Triennale di Milano, un secolo di prototipi mai prodotti in mostra per raccontare le mille strade del progetto

Nel mondo del design, si sa, quella che separa il successo di una buona idea dal suo accantonamento, molto spesso è una linea sottile: non contano nomi o blasoni, in genere è soprattutto una questione di tempismo. Fino all’8 gennaio, la Triennale di Milano racconta questo confine mutevole con la mostra Alessi IN-possible e gli “sfortunati” tesori di una delle più importanti fabbriche del design italiano, regina degli accessori per la cucina.

In esposizione, oltre 50 prototipi Alessi mai entrati in produzione, firmati a partire dagli anni Venti da progettisti del calibro di Ettore Sottsass, Achille Castiglioni, Aldo Rossi, Philippe Starck, Zaha Hadid, Patricia Urquiola, Ronan ed Erwan Bouroullec, raccontano le mille vie del progetto.

Un omaggio a quella sorta di agorà che si crea in una fabbrica ogni volta che si deve decidere il destino di un prototipo. Un lungo dialogo che coinvolge designer, ingegnerizzatori, disegnatori, tecnici di produzione, responsabili marketing, specialisti della comunicazione e che rende ogni prodotto una vera e propria opera collettiva.

Sono tante le insidie sulla strada del progettista. Problemi tecnici e limitazioni economiche non sono gli unici motivi per cui un’ottima idea potrebbe comunque accomodarsi in panchina, a minacciarne l’affermazione anche rischi inaspettati, legati alla dimensione espressiva dell’oggetto, al suo linguaggio e alla sfera emozionale.

I tanti prototipi in mostra, mai entrati in un catalogo Alessi, oltre a essere modelli dall’estetica seducente, sono simboli che celebrano quella mini-epopea nascosta dietro ogni idea, un cammino il cui esito non è mai definitivo: a volte anche gli oggetti impossibili riescono a diventare possibili, ad andare in produzione dopo molto tempo o a porre le basi di una geniale e occulta innovazione che avrà silenziosamente rivoluzionato il mondo del design.

www.triennale.org


di Francesco Marchesi / 22 Dicembre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Dormire tra le nuvole

Letti a castello a scomparsa e sospesi: ecco 3 proposte di design

letti di design

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

Less is more!

L'essenzialità dal minimalismo al riduzionismo

Costume

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

[Design]

Piscine Milanesi in scena

Un progetto fotografico dal sapore vintage firmato Stefan Giftthaler

fotografia

[Design]

Fenicotteri rosa ovunque!

Interior design, moda, social, la parola chiave è “flamingo”

Costume

[Design]

La città sui binari

Un hotel, una boutique e non solo, la città pop-up è in Danimarca

Design per il sociale

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web