ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

3 pezzi d'autore rieditati (e da collezionare)

Frank Lloyd Wright, Sven Markelius e Arne Jacobsen ritornano con riedizioni speciali

arne-jacobsen-60-anni

Le sedute Egg, Swan e Drop di Arne Jacobsen per Fritz Hansen in serie limitata

Cosa possono avere in comune i mobili di design di Frank Lloyd Wright, Sven Markelius e Arne Jacobsen? Oltre al fatto, ovviamente, di essere tutti e tre nomi che hanno fatto la storia dell'architettura e del design del XX secolo? La risposta è molto semplice: il 2018 li vuole nuovamente protagonisti, con una serie di riedizioni di alcuni dei loro progetti più rinomati.

 

 

Qui sopra: pannelli fonoassorbenti Ennis di Offecct

Cominciamo con quella che riguarda uno dei più famosi architetti che l'America abbia mai avuto: Frank Lloyd Wright. Convinto sostenitore della corrente organica dell'architettura contemporanea, secondo la quale deve esserci sempre una stretta correlazione tra spazio architettonico e la natura attorno alla quale si sviluppa, firmò progetti ancora oggi molto amati.

 

Leggi anche: Frank Lloyd Wright, le opere dimenticate di un architetto che tutti pensano di conoscere

Due nomi su tutti: La casa sulla cascata e il Museo Guggenheim di New York. C'è poi un altro suo lavoro, forse meno conosciuto, ma che fu rivoluzionario per l'epoca.

Si chiama Ennis House, costruita nel 1924, la cui particolarità consiste nella facciata interamente rivestita da blocchi di cemento, lavorati ispirandosi all'architettura pre-colombiana del Messico e Centro-America.

E proprio quel motivo, così particolare con effetto tridimensionale, è stato riprodotto dal gruppo svedese Offecct su pannelli fonoassorbenti di feltro (foto sopra). Pratici da usare (si appendono alla parete), si chiamano semplicemente Ennis, e vogliono essere un tributo al genio indiscusso americano.

Qui sopra: tavolo Markelius 01 di Sven Markelius realizzato da Offecct

Sempre Offecct ha poi voluto rendere omaggio a un altro personaggio con i suo mobili design: Sven Markelius.

Unico architetto svedese nel gruppo che fu chiamato per progettare il quartiere generale dell'ONU a New York, disegnò per la sua famiglia una casa a Nockeby (fuori Stoccolma), che divenne poi uno dei simboli del Modernismo.

Per la sua zona pranzo, Sven Markelius aveva fatto fare un tavolo, attorno al quale pranzarono poi negli anni alcuni dei personaggi più influenti dell'epoca, come Alvar e Aino Aalto e Le Corbusier.

Rimasto per anni un pezzo unico, questo tavolo è ora finalmente in produzione con il nome Markelius 01 (in alto). Fedele al modello originale, è già un pezzo cult per i collezionisti del design scandinavo.

Qui sopra: le sedute Egg e Swan di Arne Jacobsen per Fritz Hansen nella nuova edizione limitata

Se poi dalla Svezia ci spostiamo in Danimarca, Fritz Hansen festeggia i 60 anni dei suoi tre pezzi più iconici disegnati da Arne Jacobsen: Egg, Swan e Drop.

Create originariamente per arredare il SAS Royal Hotel, queste sedie di design sono oggi riproposte con finiture e materiali diversi, per celebrare il genio creativo del designer i cui mobili ancora oggi arredano gli interni più belli di tutto il mondo. Da notare che le gambe di questi tre modelli, prodotti ciascuno solo in 1958 pezzi (come la data di quando furono disegnati), sono placcate in oro 23 carati. 


di Maria Chiara Antonini / 26 Marzo 2018

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web