ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Le sculture moderne di Janet Echelman fluttuano nell'aria negli spazi pubblici

Sono sculture cinetiche che utilizzano il filo di rete, le luci colorati e l'interazione con il paesaggio

sculture-moderne-in-rete-by-janet-echelman-piazza-pubblica

L’artista designer americana Janet Echelman crea sculture moderne di reti che interagiscono con aria e luce. Qui l’istallazione a ricordo della tragedia dello tsunami giapponese nell’Oxford Circus di Londra

Sono sculture moderne quelle che Janet Echelman crea con la rete e la luce. Le istallazioni morbide appaiono come armoniosi volumi che fluttuano nell’aria e cambiando forma e volume ad ogni refolo di vento.

Foto di: Cecelia Thompson
Le ultime, in ordine di tempo, sono comparse nel cielo sopra il centro di Greensboro, in North Carolina alla fine dell'estate 2016. Una serie effimera che la Echelman ha inaugurato con una sua gigantesca scultura astratta– oltre 55 chilometri di fibre tecniche artigianali e 242.800 nodi - nel nuovo LeBauer City Park.

Foto di: Ema Peter
Le sculture cinetiche si trasformano continuamente componendo infinite conformazioni che si intersecano con l’ambiente che le circonda o con gli interni in cui sono situate. Ma non solo: le forme complesse composte da molti strati di fili annodati insieme interagiscono con la luce colorata e disegnano, a loro volta, ombre e sfumature di tinte diverse.

Foto di: Ema Peter

Foto di: Ema Peter

Foto di: Lynn Donovan

Foto di: Lynn Donovan

Foto di: Lynn Donovan
Scultura nella scultura, potremmo dire. Ogni installazione ha un programma dettagliato e studiato anche rispetto alle diverse angolazioni e prospettive dalle quali è possibile osservare le sculture contemporanee.

Foto di: Smithsonian Institution
Il risultato? Una vera e propria coreografia: l'osservatore rimane a bocca aperta con il naso all'insù. Le onde di colore sono un lavoro complesso che l'artista porta avanti da tempo. Sono del gennaio 2016 la serie Tsunami che l’americana ha progettato a ricordo del terremoto del 2011 in Giappone e che sono state montate a 50 metri di altezza tra gli edifici di Oxford Circus, l'area pedonale più frequentata di tutta Londra. Di notte, la scultura prende vita con la luce colorata proiettata in modo interattivo con il pubblico, che è invitato a utilizzare lo smartphone per selezionare i colori e le modalità dei fasci luminosi.
Il lavoro ha lo scopo di approfondire il tema dell’interdipendenza dell’uomo dal tempo e dallo spazio: la struttura a rete è la manifestazione per eccellenza di questa interconnessione fisica. Dopo l’anteprima presentata al Lumiere Festival di Londra, ora la scultura è in viaggio per altre città in tutto il mondo.

Foto di: Ron C

Ma non solo gli spazi aperti accolgono le istallazioni della Echelman che ha anche esposto in grandi interni come o Smithsonian American Art Museum di Washington D. C. per il quale ha creato una scultura moderan istallata a 30 metri di altezza nel Grand Salon della Galleria Renwick. Uno spazio nel quale il pavimento tessile di nylon ricilato da reti di pescatori fa eco alla topografia organica dell’istallazione.

www.echelman.com

SCOPRI ANCHE:

Liz West incanta con l'installazione di luci colorate alla Biennale di Bristol
Le scenografiche installazioni nel Quadrilatero della Moda
Installazioni artistiche: 450 altalene colorate in Lussemburgo per ricordare la spensieratezza dell'infanzia
Aart Van Asseldonk alla Dutch Design Week 2015
Firenze: Design the Dream (2014)
Installazioni d'arte con il neon a Lugano (2014)


di Paola Testoni / 12 Ottobre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Il futuro secondo Habitat

Dal nuovo negozio a City Life alla mostra nello store di Parigi

Lifestyle

[Design]

Raccontare la Ferrari

L'allestimento di Patricia Urquiola al London Design Museum

mostre

[Design]

Il Black Friday del design

I 5 e-commerce per trovare le occasioni migliori

negozi di design

[Design]

Essere hipster a Dubai

Alla scoperta di Alserkal Avenue, il distretto creativo della città

Travel

[Design]

Patricia a Philadephia

La prima personale di Patricia Urquiola negli Stati Uniti

mostre

[Design]

Un bagno dall'anima ricercata

Arredi pensati per un ambiente intimo e di carattere

bagni di design

[Design]

A piedi nudi nel parco

I sandali Pébiott, ideali per riscoprire la camminata “primitiva”

moda e design

[Design]

Black Friday di design

5 siti di design dove fare acquisti all'insegna della convenienza

Oggetti di design

[Design]

A tavola con India Mahdavi

La designer firma per Monoprix una collezione dal sapore etnico

accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web