ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Sound system di design a Milano

Le anticipazioni dello street artist Delta sul Picò Project, la mostra dedicata al curioso fenomeno culturale nato a metà degli anni '70. Dal 13 febbraio alla Plusdesign gallery

Plusdesign gallery presenta il Picò Project: 5 sound system provenienti dalla Colombia, decorati a mano e coloratissimi secondo la tradizione locale, con altrettanti Picò firmati da designer europei in una libera reinterpretazione: Nathalie Du Pasquier, Delta, Lucas Munoz, Dirk Vander Kooij, Clemens Weisshaar & Reed Kram. Per raccontare questo curioso fenomeno culturale che è nato a metà degli anni '70, la galleria ha anche prodotto un documentario in collaborazione con gli artisti Invernomuto girato tra Cartagena e Barranquilla. Aspettando l’opening di sabato 13 febbraio in via Ventura 6 (Milano), al ritmo del Festival de Maquinas Musicales, abbiamo chiesto a Boris Tellegen AKA Delta, street artist di Amsterdam, di parlarci del suo Picò.

Come nasce la tua collaborazione con la galleria milanese per questo progetto?
Andrea Caputo di Plusdesign mi ha raccontato l’idea di portare in Europa alcuni grandi Picò, tipici della cultura colombiana del sound system, dal Sud America. E mi ha chiesto di fare un oggetto di questo genere, ma sentendomi completamente libero e indipendente nella mia interpretazione.

Infatti quello che hai creato è completamente diverso dai Picò tradizionali.
È vero. Sta a metà tra una torre e un totem senza una collocazione geografica specifica. Un totem urbano, forse un robot. Ho pensato che un ibrido tra tutti questi riferimenti sarebbe stato perfetto per il mio sound system.

A differenza dei Picò colombiani e del tuo lavoro abituale, non hai usato il colore. Perché?
Il design di questa figura ricorda la torre di un bunker di cemento. Ho pensato che lasciarlo così, non colorato, avesse più senso. Pura materia, senza aggiungere altro.

Parlaci del rapporto del tuo lavoro con la musica.
In passato mi sono occupato di progetti per label e gruppi soprattutto di musica elettronica, il mio lavoro va molto d’accordo con questo genere. Ma penso che il mio Picò funzioni bene per l’abstract music. E mentre ci lavoravo ascoltavo techno, che è quello che sento di solito.

Chi è l’acquirente ideale del tuo sound system?
Non lo so, direi io stesso! Mi piacerebbe molto averne uno.

www.plusdesigngallery.it


di Annalisa Rosso / 12 Febbraio 2016
tags:

Mostre , Milano

CORNER

Design collection

[Design]

Acqua in bocca

10 caraffe per festeggiare il World Water Day

accessori di design

[Design]

Una batteria di 5.000 alberi

Sul monte Olivella, un'opera d'arte per la riforestazione

installazioni

[Design]

Drink sulle nuvole

Alessi firma 86 pezzi unici per una linea destinata a Delta Air Lines

accessori di design

[Design]

Ispirazioni da Hollywood

20 film da guardare prima di arredare casa

design e cinema

[Design]

Un explorer yacht di lusso

Per navigare ovunque senza dimenticare comfort e privacy

Barche

[Design]

L'ora sulle dita

Arriva Dot, il primo smartwatch per non vedenti

orologi di design

[Design]

Mete pasquali

7 destinazioni dove ricaricare le energie tra natura e design

hotel

[Design]

Te lo dico con un meme

Linguaggio contemporaneo per la nuova collezione di orologi Gucci

orologi

[Design]

La TV dell'homo novissimum

Samsung presenta una nuova frontiera per l'home entertainment

tecnologia

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web