ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Stasera casa Mika, dietro le quinte con Studio Job

Toni saturi, stile cartoon e rimandi al surrealismo per il set up del programma di RaiDue

stasera-casa-mika-studio-job

Toni saturi, oggetti quotidinai trasformati in una scenografia surrealista: il set up di Stasera Casa Mika traduce in allestimento l'ego eclettico dello showman e musicista originario di Belgrado

Stasera Casa Mika è il One Man Show che ha debuttato su RaiDue il 15 novembre. Uno dei valori aggiunti del programma TV che cattura subito l’attenzione è la scenografia. La scelta è ricaduta su uno stile cartoonesco, saturo e coloratissimo, una linea molto coerente con il personaggio straripante a cui il musicista ci ha abituati sul palco.

Per la realizzazione si è avvalso dell’esperienza dell’architetto Riccardo Bocchini, che lo stesso Mika considera “il più bravo in Italia”. Tutto l’impianto scenografico è arricchito dagli oggetti di scena del duo olandese che opera sotto il nome di Studio Job, composto dai designer di fama internazionale Job Smeets e Nynke Tynagel.

Una collaborazione, quella tra gli art designer olandesi e il musicista nato a Beirut, già rodata nello scorso tour per il disco No place in heaven, che si riconferma squadra vincente nel miscelarsi all’ego eclettico e variopinto di Mika.

La sensazione che emerge al colpo d’occhio è proprio quella di una sinergia di intenti e senso estetico tra i due olandesi e il presentatore, uno stile surreale, molto ironico, che strizza l’occhio a una certa estetica pop punk che ben si sposa con il modo di porsi del cantante: da un mappamondo composto in cristalli di Swarovsky che funge da palla da discoteca, ad un orologio molto simile a quello del Big Ben con la numerazione posta in senso inverso, fino ad arrivare a un vero e proprio trono in stile barocco “… che abbiamo rivisitato in qualcosa di divertente”. Come dichiara Smeets.

Il concetto alla base sembra proprio essere quello del prendersi poco sul serio, partendo dagli oggetti della vita di tutti i giorni: un frigo, un letto e una sedia, pur mantenendo le proprie funzioni originali, vengono reinterpretati per lasciar trasparire che anche nelle cose che spesso diamo per scontate, si nasconde un lato divertente e colorato che forse non avevamo preso in considerazione.  

www.studiojob.be

SCOPRI ANCHE:
Gli interni di Gomorra 2


di Alessio Gentile / 22 Novembre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Il ristorante pop up di Nichetto

Alla Stockholm Furniture Fair ci si incontra da Ratatouille

Ristoranti

[Design]

Quello che non può mancare in cucina

La collezione di utensili da cucina Hay Kitchen Market

Accessori di design

[Design]

Feedback dal Madrid Design Festival

5 indirizzi interessanti di un festival che racconta un terreno fertile

Costume

[Design]

La Gibson in bancarotta

L'azienda di chitarre che hanno fatto la storia rischiano il fallimento

Costume

[Design]

La schiscetta 4.0

Lunch box: pranzare al sacco senza rinunciare al design

accessori di design

[Design]

La cucina come piace a lui

Acciaio, nero opaco, tecnologia: la cucina che piace agli uomini

Costume

[Design]

Un colore, un progetto

La maschera di Arlecchino secondo l'architetto Teresa Sapey

Costume

[Design]

Architettura da indossare

10 accessori moda P/E ispirati ad architetture famose

moda e design

[Design]

I cani di Wes Anderson

Cosa si sa del nuovo film in stop motion Isle of Dogs

Costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali