ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Statue sott'acqua per un'esperienza artistica unica

Le opere sottomarine di Jason DeCaires Taylor conquistano gli appassionati d'arte più avventurosi

statue-sottacqua-jason-decaires-taylor-00

Le statue sott'acqua di Jason DeCaires Taylor sono la soluzione perfetta per coltivare due passioni in una. Se siete appassionati visitatori di musei ma proprio non potete fare a meno della vita all’aria aperta, se avete uno spirito da esploratore ma siete contemporanemante divorati dalla passione per l’arte le inconsuete opere di Taylor fanno proprio al caso vostro.

Vi ricordate il Cristo degli abissi? Ecco, qualcosa di simile!

Posizionate sul fondo del mare le statue sommerse di Taylor creano dei veri e propri musei sottomarini in diversi luoghi di tutto il mondo. Dall’oceano caraibico alle coste messicane, all’isola di Nassau e di Grenada fino alle coste delle Isole Canarie nei pressi di Lanzarote.

Mentre i gruppi scultorei possono vengono di consueto ammirati nei musei, le sculture di DeCaires Taylor si trovano sotto il livello dell’acqua, a una profondità tra i 4 e i 14 metri, forse non così facili da raggiungere ma certamente di grandissimo impatto visivo ed ambientale se si pensa che ogni opera contiene un proprio messaggio personale che vuol far riflettere sulle preoccupazioni globali che influenzano le ecologie subacquee.

La seconda particolarità è proprio l’influenza dell’ambiente su queste statue sottomarine: se in un museo l’opera d’arte è protetta contro ogni possibile influenza e contaminazione esterna, le opere dell’artista britannico al contrario dialogano con l’ambiente che le circonda e da questo si fanno gradualmente cambiare grazie alla vita marina che cresce su di esse e ne prende possesso.

Ma prima, che vengano completamente trasformate dall’ambiente marino, le opere mostrano personaggi contemporanei impegnati nelle normali occupazioni della vita quotidiana rese surreali dalla location che le ospita: gruppi di professionisti che vanno al lavoro, un uomo che fotografa da dietro una staccionata o due uomini impegnati su un’altalena per bambini.

Le stesse azioni che l’umanità compie tutti i giorni sopra il livello dell’acqua, spesso inconsapevole del loro impatto sull'ambiente, grazie ai loro alter ego sottomarini sono diventate qualcosa d’altro.

I visitatori immergendosi sotto le onde potranno sperimentare una realtà artistica molto più forte di quella vissuta tra le pareti di un museo tradizionale. Non vincolati dalla forza di gravità, gli appassionati di arte e sport avranno un approccio “fisico” all’arte: l’assenza di peso, il fresco dell'acqua, l’assenza di suoni ​​e la visibilità ridotta sono tutti elementi che entrano in gioco quando si ammirano le opere di DeCaires Taylor e finiscono per creare paradossalmente una realtà aumentata.


di Paola Testoni / 17 Febbraio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Cena sul Tamigi

A Londra, 5 ristoranti di design con terrazza sul fiume

ristoranti

[Design]

Carpet (r)evolution

I tappeti moderni di Dare To Rug sono grafici e colorati

tappeti

[Design]

Joe Gebbia: ritorno alle radici

Il designer cofondatore di Airbnb firma una linea di arredi

arredi di design

[Design]

Balenciaga segreto

L'anima del fashion designer messa a nudo

mostre

[Design]

Abiti per piccoli indie

La baby capsule di Kidcase celebra il minimalismo in chiave fun

moda e design

[Design]

Design da Bucarest

Tutto il meglio della Romanian Design Week 2017

fiere

[Design]

Voglia di un bel libro?

Ecco i 5 libri di architettura (e non solo) più belli in uscita

libri di design

[Design]

La Rinascente, 100 anni e 5 cose

Una mostra racconta a Milano il più noto department store d’Italia

mostre

[Design]

La Firenze dei bottegai

Alla scoperta delle botteghe artigiane più antiche della città

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web