ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il surrealismo e la moda, tutte le volte che gli stilisti si sono ispirati all'arte di Dalì

Da Schiaparelli al nuovo made in Italy via Jean Charles de Castelbajac, ecco un piccolo compendio surrealista per fashion victim

surrealismo-moda
Getty Images

Moda e Surrealismo: i punti di contatto che li legano sono alla radice di un dialogo rimasto costante per tutto il Novecento e che continua anche nel presente. Nato negli anni Venti, quasi insieme al concetto di moda come la intendiamo oggi, il Surrealismo ha fatto della provocazione, dell’ironico gioco degli equivoci, del travisare un’identità per riaffermarla, il proprio manifesto; di pari passo, la couture e il futuro prêt-à-porter assimilavano la lezione e la trasferivano in abiti, accessori e gioielli.

Au Jour le Jour

Tra i primi a cogliere la potenza comunicativa di questa nuova forma d’arte, Elsa Schiaparelli stinge un sodalizio con Salvador Dalì e gli dedica diversi pezzi - il più iconico è il motivo decorativo delle labbra, trasformate, nell’arredo, in un divano omaggio all’icona sexy Mae West, nel design in spille, ricami e intarsi sugli abiti. Le decadi successive, vedono proprio la bocca tornare con frequenza sulle passerelle, fino a diventare una vera mania tra la fine degli anni Novanta e i primi Duemila.

Prada ss00, Gucci ss16

Dall’interpretazione concettuale di Miuccia Prada, che nella spring-summer ‘00 l’ha inserita tra i plissé di abiti e gonne dritte sotto al ginocchio (tornando poi sul tema negli accessori dodici anni dopo), a quella glamour di Yves Saint Laurent nell’alta moda dell’anno successivo (ripresa da Jeremy Scott per Moschino nel 2016), fino a quella del make-up ipergrafico di Alexander McQueen nel 2009, alla bocca si sono uniti altri simboli del linguaggio surrealista.

Yves Sain Laurent, Moschino fw16-17

Omaggio definitivo ad un pezzo unico di alta gioielleria disegnato da Dalì negli anni Cinquanta per l’attrice Paulette Goddard e realizzato da Vaillant & Devere, gli orecchini a forma di bocca in rubini e perle di Alessandro Michele che hanno sfilato nella spring summer 2016 di Gucci. Fuoriclasse del genere e fautore di un surrealismo contemporaneo, Jean Charles de Castelbajac, che fa di moda e arte un tutt’uno.

Federica Berardelli

Tra le declinazioni più interessanti, quelle di una nuova generazione di designer che sta ridefinendo il concetto di made in Italy: dagli occhi-gioiello nelle versioni in bronzo e pelle o in bronzo e smalti, emblema delle borse di Federica Berardelli, al mondo sognante delle collezioni di Quattromani, che destruttura l’abito per ricomporlo in silhouette minimaliste, fino al chiassoso e ludico Au Jour le Jour, che di collezione in collezione, dal 2013, teorizza l’eleganza delle stampe all-over dove, ça va san dire, il surrealismo la fa da padrone. Dall’arte all’abito, l’irriverenza è un trend in perenne evoluzione.

Quattromani fw2017

 

Alexander McQueen fw09


di Manuele Menconi / 24 Ottobre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Arriva la Barbie con l'hijab

La bambola dedicata a Ibtihaj Muhammad,

Costume

[Design]

Tavola di design per Thanksgiving

Studio Milo firma la mise en place per il Giorno del Ringraziamento

accessori di design

[Design]

Orizzonti cinesi

Cina e Made in Italy: nuovi scenari e vecchi luoghi comuni da sfatare

design summit

[Design]

Fragranze di design

4 sofisticati profumatori per ambienti per arredare con stile

Oggetti di design

[Design]

La gioielleria secondo Ferré

In mostra a Torino le creazioni orafe dello stilista-architetto

mostre

[Design]

Artigianalità italiana a Londra

Bottega Veneta presenta in una villa palladiana il saper fare italiano

Moda e design

[Design]

5 pezzi di design per sempre

Un mix perfetto che trascende il tempo

Oggetti di design

[Design]

Il futuro del design italiano?

Ecco chi sono i 45 designer under 40 in mostra a Roma

mostre

[Design]

La Milano delle moto

In occasione di Eicma un tour tra le officine più belle

Travel

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web