ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Una tavola da surf particolare che imita le lische dei pesci

Edgar Flauw ripensa la tavola ispirandosi alla fauna marina per divertirsi con le onde come una volta

tavola-da-surf-particolare-edgar-flauw

Forse nell’immaginario collettivo il surf è ancora quello del Mercoledì da leoni, quello di giovani sfaccendati che con la loro tavola da surf seguono l’onda perfetta, bevono birra e ballano The locomotion. Un vero stile di vita, coi suoi miti e le sue regole.

Ma il surf ora più che mai è anche uno sport, a cui pochissimi professionisti riescono ad accedere e attorno a cui ruotano competizioni e sponsor. E come in ogni sport moderno le attrezzature sono sempre più tecnologiche e lontane dal grande pubblico, l’aspetto agonistico si fa prevalente e si perdono un po’ le origini artigianali e scanzonate di questa splendida attività (leggi anche → Una mini casa per surfisti).

Lo sa bene Edgar Flauw, designer e surfer, che dalle fredde spiagge di Brest ha deciso di dare al suo sport preferito un seconda chance. La sua missione è riportarlo alle origini, a quando, prima di tutto, il surf era un gioco (leggi anche → Una casa per surfisti con vista sull'oceano). Ha deciso quindi di progettare una tavola adatta ai dilettanti, pensata per divertirsi e non per scalare le classifiche. Il risultato è Ludarista.

Il giovane designer si è ispirato all’anima stessa del surf, il mare. Ha studiato a fondo le strutture delle lische dei pesci – coadiuvato da veterinari – e ne ha riprodotto le trame (leggi anche → Le tavole da surf zoomorfe di Giulio Iacchetti). Rifacendosi alla tradizione degli anni '30 di Tom Blake, ha creato una tavola surf dal corpo cavo. L’assetto della sua tavola permette così effetti idrodinamici casuali e imprevedibili, a cui adattarsi di volta in volta, per performance più libere.

Il tutto nel rispetto dell’ambiente marino, che Edgar considera un’estensione del suo lavoro. Per questo ha utilizzato materiali naturali, come legno, resine e fibra di cellulosa. Il risultato è uno scheletro solido e un corpo traslucido che brillerà fra le onde.

edgarflauw.com


di Stefano Annovazzi Lodi / 15 Novembre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Una mostra en plein air

La mostra di Fabrizio Ferri per la Milano Fashion Week

mostre

[Design]

Istantanee da favola

La Norvegia sospesa tra uomo e natura di Guneriussen

Costume

[Design]

Pianeta Ettore Sottsass

Una mostra "intima" racconta il suo mondo alla Triennale di Milano

mostre

[Design]

Helsinki, a caccia di design

Un tour nei 15 place to be dello stile scandinavo

Itinerari

[Design]

Le facce dell’Ordine

Una mostra a Milano usa il design per raccontare il presente

mostre

[Design]

Libri d'autunno

5 idee (+1) da leggere nel mese di settembre

libri di design

[Design]

Una grande notte a Cupertino

iPhone X e le altre novità presentate da Apple

Tecnologia

[Design]

Bianco e nero

La Grecia inedita dell’architetto e fotografo Karatzas

progetti

[Design]

La Smart Home all'italiana

La soluzione hi-tech e green per controllare casa dallo smartphone

Tecnologia

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web