ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il vaso di design di Matteo Agati, dal progetto alla produzione

Si ispira a Jasper Morrison il vincitore del contest lanciato Elle Decor Italia e dal network TID-The Interior Design con l'Istituto Marangoni

vaso-design-matteo-agati-marangoni-ritratto

Il giovane designer Matteo Agati circondato dai suo vasi in mostra allo showroom TID – The Interior Design di Baranzate, a pochi chilometri da Milano. Foto © Filippo Messina

Vi avevamo già parlato dei vasi di design progettati dagli studenti dell'Italian Product Design Master dell'Istituto Marangoni sotto la guida di Lorenzo Palmeri docente del corso di Design Development. Il concorso lanciato da Elle Decor Italia e dal network TID-The Interior Design ha offerto al vincitore Matteo Agati la possibilità di realizzare il suo Me2Vases (leggi anche → Gli studenti dell'Istituto Marangoni progettano 5 vasi di design).

Tutte le foto: © Filippo Messina

Lo abbiamo incontrato durante la serata M.A.D. Zone allo spazio TID di Baranzate e ci siamo fatti raccontare il suo progetto, ma anche l'esperienza di un giovane designer che si affaccia al mondo della produzione.

Ci racconti il tuo progetto?
Il progetto consisteva nel progettare una famiglia di vasi considerati come archetipo della società: il vaso è un prodotto da sempre presente in un'abitazione, che si modifica in base alle società e al tempo storico, usato per fini decorativi ma anche funzionali. Noi siamo partiti dalle nostre Origini. Per me – figlio di madre svizzera-tedesca e di padre siciliano – queste origini erano contrastanti. Il vaso riprende questo contrasto dividendosi in due parti, ciascuna delle quali rifletta la cultura d'origine di uno dei miei genitori. La parte siciliana in pietro lavica, dalle forme tondeggiante, rimanda a una cultura calda e accogliente, legata alla natura. Quella in legno rimanda invece alla cultura architettonica della Svizzera tedesca, con le scandole e le travi a vista, e assume una forma più rigida. Nonostante le due parti siano cosi diverse si uniscono per dare al vaso una forma armonica.

Hai avuto difficoltà nel passare dalla fase progettuale a quella produttiva?
TID ha seguito tutta la parte produttiva, con il mio supporto per quanto ha riguardato la gestione dei file e dei materiali. A differenza di quanto immaginassi, la parte più complessa si è rivelata essere quella in legno: abbiamo dovuto risolvere gli aspetti del foro e degli spessori senza compromettere né la funzionalità né l'aspetto estetico del vaso, mantenendoci entro certi livelli di costo.

É la prima volta che segui un progetto fino alla fase di realizzazione?
No, ho realizzato una seduta per Cappellini, di cui è stato prodotto un prototipo presentato durante l'ultimo Salone del Mobile di Milano. Era il progetto vincitore del concorso che mi ha permesso di frequentare l'Italian Product design Master dell'Istituto Marangoni.

Cosa hai imparato durante questo Master?
Arrivando da un corso di laurea in Design Engineering (del Politecnico di Milano) sono arrivato alla Marangoni con una formazione estremamente tecnica. Spesso invece si pensa al design come mera estetica, mentre si tratta di una disciplina eclettica e multidisciplinare, che tocca anche temi come la tecnologia, la funzionalità, la ricerca dei materiali. Questo Master mi ha fatto riscoprire l'aspetto estetico e decorativo del design e mi ha aiutato a integrare i due aspetti. Nello specifico, nella progettazione di questo vaso ho avuto modo di affrontare gli aspetti estetici e concettuali ( un vaso, dopotutto, è un oggetto decorativo) e di coniugarli con quelli più tecnici della fase di produzione.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Mi piacerebbe fare un'esperienza all'esterno per scoprire culture e metodi progettuali diversi. Allo stesso tempo non voglio rinunciare per partito preso al sogno di lavorare in Italia...come nel vaso, il contrasto è il fil rouge di tutto quello che faccio!

Un designer-ispirazione?
Sicuramente Jasper Morrison con la sua ricerca della normalità e dell'essenzialità

E l'oggetto che sogni di progettare?
Sogno di progettare!

www.theinteriordesign.it


di Carlotta Marelli / 20 Giugno 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Abiti per piccoli indie

La baby capsule di Kidcase celebra il minimalismo in chiave fun

moda e design

[Design]

Design da Bucarest

Tutto il meglio della Romanian Design Week 2017

fiere

[Design]

Voglia di un bel libro?

Ecco i 5 libri di architettura (e non solo) più belli in uscita

libri di design

[Design]

La Rinascente, 100 anni e 5 cose

Una mostra racconta a Milano il più noto department store d’Italia

mostre

[Design]

La Firenze dei bottegai

Alla scoperta delle botteghe artigiane più antiche della città

itinerari

[Design]

Facciamo ordine

Idee di design per tenere la casa in ordine con stile

arredi di design

[Design]

4 designer e una fornace

L’artigianalità italiana nel nuovo progetto di Coincasa

accessori di design

[Design]

Tutte le barche di Viareggio

Il meglio della prima edizione del Versilia Yachting Rendez-vous

Barche

[Design]

Polvere di stelle

L'ultimo orologio extra lusso di Rado firmato Samuel Amoia

orologi di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web