ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Indie si nasce: ecco i vestiti per bambini di Antoine Peters che li trasformano in opere d'arte

Minimalismo nordeuropeo in chiave fun e oversize nella capsule collection di Kidcase

vestiti-bambini-indie-antoine-peters-kidcase

Uno dei mini vestiti della capsule collection di Kidcase firmata Antoine Peters

Nel mondo di Antoine Peters, l’arte, il design e la moda convivono secondo le logiche di un equilibrio che di giorno in giorno ridefinisce se stesso, anche quando si tratta di vestiti per bambini. In quello di Kidcase, brand di abbigliamento bambini nato nel 2000, indie per autodefinizione, il continuo evolversi del lifestyle contemporaneo, traccia le linee guida di ogni collezione.

Dal loro incontro ha preso forma una spring/summer capsule collection composta da 28 pezzi pensata per trasferire la gioia della paternità (che Peters ha da poco sperimentato con la nascita di suo figlio Alf), nelle forme di un abbigliamento da bambini pieno di allegria; il tutto sotto il filtro del minimalismo nordeuropeo.

La capsule, che veste bambini e bambine da zero a otto anni, è composta da felpe, cardigan, tute, jogger, t-shirt, calzini e pantaloncini per il mare, tutti in due varianti; ciò che la rende unica nel suo genere sono i tagli e le stampe.

Le simmetrie destrutturate, spesso oversize, tratto tra i più significativi nello stile dell’irriverente ideatore del progetto “A Sweater for the World”, trasferite sulle proporzioni baby, conferiscono ai capi una maggiore vestibilità, che a differenza di quanto accade per gli adulti, agevolano il movimento e rendono più libero il bambino.

Le stampe sembrano nate da una fusione tra il linguaggio pittorico di Giuseppe Capogrossi, con i suoi bianchi e neri in movimento nello spazio, e quello del colore pieno e geometrico di Mondrian. Ciò che rende veramente divertente la collezione è creare total look ad hoc che trasformano i più piccoli in opere d’arte in movimento.

www.kidscase.com

SCOPRI ANCHE:
→ Gli splendidi mobili per bambini del brand danese Elements Optimal
→ Il designer coreano Kunsik progetta un tavolo-seduta funzionale per mamma e figlio 
→ Più che camerette per bambini, fiabe tridimensionali
→ Lettini per bambini dal design ergonomico


di Manuele Menconi / 26 Maggio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Dormire tra le nuvole

Letti a castello a scomparsa e sospesi: ecco 3 proposte di design

letti di design

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

Less is more!

L'essenzialità dal minimalismo al riduzionismo

Costume

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

[Design]

Piscine Milanesi in scena

Un progetto fotografico dal sapore vintage firmato Stefan Giftthaler

fotografia

[Design]

Fenicotteri rosa ovunque!

Interior design, moda, social, la parola chiave è “flamingo”

Costume

[Design]

La città sui binari

Un hotel, una boutique e non solo, la città pop-up è in Danimarca

Design per il sociale

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web