ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Weekend in Provenza all’insegna di architettura e design

Tour alternativo nella regione del sud della Francia pensato specificatamente per tutti gli amanti dell'architettura

La Provenza con la sua quiete, i suoi profumi, i suoi paesaggi pittoreschi è stata a lungo rifugio di artisti, architetti, pittori, che qui trovavano un luogo di riflessione e ispirazione. Sarà per questo che, anche dopo la scomparsa di geni del calibro di Chagall, Cezanne, Van Gogh, ma anche Le Corbusier, questa regione a sud della Francia ha continuato a destare l’interesse di artisti, architetti, fotografi e non solo.

Nascoste tra le spiagge e le distese di lavanda ci sono case, siti espositivi, locali ed edifici che hanno fatto la storia dell'architettura e del design. Ma scovarle non è così semplice. Ecco quindi una mini guida di 48 ore per scoprire un volto diverso della Provenza.

  

GIORNO 1

Ore 10.00  

Una pietra miliare dell’architettura moderna: Le Cabanon

Partendo per il nostro viaggio in Provenza, a solo mezz’ora dal confine italiano, c’è una tappa obbligata per i veri amanti dell’architettura. È a Roquebrune-Cap-Martin, infatti, che si trova il celebre Le Cabanon di Le Corbusier, progetto bassato sul concetto di Modulor ed emblema dell’ “abitare minimo” dove le esigenze abitative di un uomo sono ridotte all’essenziale ma allo stesso tempo non manca niente dato l’enorme attenzione all’aspetto psicologico e della fruizione. Il capanno, a pochi metri dal mare, è visitabile insieme alla celebre villa E-1027 e all’Etoile de Mer. Poche ore che vi regaleranno una vicinanza unica con uno dei padri dell’architettura. Per prenotare una visita: capmoderne.com

 

Un post condiviso da Jorge Recio (@reccio) in data:

 

Un post condiviso da OV (@oliviervrankenne) in data:

 

Ore 11.00

Maison Bernard: tappa a Théoule-sur-Mer per apprezzarne il moderno restyling

 

Proseguendo sulla costa segue un’altra tappa irrinunciabile per gli archi-lovers. A Théoule-sur-Mer infatti si trova Maison Bernard. Progettata nel 1971 dall’architetto ungherese Antti Lovag è un esempio di scultura abitabile zoomorfa che si snoda nel paesaggio mediterraneo in un susseguirsi di bolle e cuniculi. Originariamente color mattone naturale, è stata di recente restaurata con colori accesi da Odile Decq. (scopri di più Il progetto di restyling di Maison Bernard firmato da Odile Decq)

 

Un post condiviso da designboom magazine (@designboom) in data:

 

 

In un paio d’ore di macchina da Roquebrune-Cap-Martin giungiamo ad Aix en provence, nota ai più per essere la città d’origine di Paul Cézanne. Ma Aix en provence non si è fermata nella storia e oggi, oltre a piazze, fontane ed edifici storici, vanta architetture moderne e locali dall’interior design contemporaneo che non ci si aspetta in un piccolo borgo dell’entroterra e che sono tappa perfetta per tutti i design addicted in visita in Provenza. 

 

Ore 13.00

Pranzo a La fromagerie du passage

Se volete fare un break e deliziarvi con il classicissimo connubio vin-fromage quella che vi proponiamo non è la tipica bottega ma un locale contemporaneo progettato dall’architetto francese Vincent Coste. Situato nei pressi di un antico chiostro benedettino ad Aix en provence, La fromagerie du passage è caratterizzata da un design contemporaneo e modaiolo.

  

Un post condiviso da Dmitri (@pokins) in data:

 

Ore 15.00 

Il conservatorio di musica di Kengo Kuma

Ispirato alle geometrie di Cezanne e allo studio delle ombre del pittore post impressionista, Kengo Kuma è riuscito a trovare la giusta armonia per inserire in una tipica cittadina medievale della provenza un progetto dalle dimensioni monumentali ma allo stesso tempo leggero, discreto e rispettoso dell’ambiente circostante. Tale attenzione si può ritrovare sia nella scelta della materia prima, alluminio prodotto localmente; sia nell’alternanza luce-ombra tipica del lavoro di Cezanne e del territorio circostante, Montagne Sainte-Victoire.

 

Un post condiviso da Stefano Perego (@stepegphotography) in data:

 

Ore 17.00

L’ampliamento moderno dell’Universitè de Provence

Un intervento rispettoso e discreto è anche quello di Dietmar Feichtinger Architects che nel 2013 ha progettato l’ampliamento del complesso universitario di Aix en Provence.

 

Un post condiviso da Benjamin (@utoking2me) in data:

 

Ore 20.00

Cena in un ristorante di design dagli interni grafici: Koi

Porta la firma di Vincent Coste il ristorante Koi, perfetto se avete fatto il pieno di formaggi e vini a La Fromagerie du Passage e volete godervi una cena leggera in una location di design. Per gli interni del ristorante giapponese, infatti, l’architetto si è ispirato ai tatuaggi della yakuza. Le grafiche monocromatiche, realizzate da Claire Lena, avvolgono pareti, soffitti e pavimenti. Davvero suggestivo!

 

Un post condiviso da MARACA New Zealand (@maraca_nz) in data:

 

Ore 23.00

Pernottamento a Villa La Coste

Rimettendosi in viaggio, poco lontano da Aix en Provence, Villa La Coste fa parte della location suggestiva Chateau La Coste che garantirà agli amanti di arte e architettura un risveglio in un angolo di paradiso (continua a leggere per scoprirne di più!).

 

Un post condiviso da Villa La Coste (@villa_la_coste) in data:

 

 

GIORNO 2 

 

Ore 10.00

Chateau la Coste

Soggiornando a Ville La Coste, vi risveglierete nel cuore di Chateau La Coste, una location d'eccellenza che unisce vino, arte e architettura. Capirete subito di non essere in un posto qualsiasi. Arrivando alla proprietà, infatti, si incontra un hangar progettato da Jean Nouvel (che ospita una splendida cantina), un edificio di Tadao Ando e altre installazioni di opere di famosi architetti del calibro di Frank Gehry e Ai Weiwei. Oltre alla cantina, la location ospita una galleria d’arte, un museo e uno speciale percorso a piedi intriso di arte e architettura.

 

 

Un post condiviso da Chateau La Coste (@chateaulacoste) in data:

 

Un post condiviso da Chateau La Coste (@chateaulacoste) in data:

 

Un post condiviso da Chateau La Coste (@chateaulacoste) in data:

 

Un post condiviso da Chateau La Coste (@chateaulacoste) in data:

 

Ore 13.00

Pranzo al ristorante di Tadao Ando

Il sito Chateau La Coste ospita un ristorante moderno, luminoso, ad alto tasso di architettura. Stiamo parlando del Tadao Ando Restaurant. Qui potrete godervi un pranzo circondati solo da vigneti costellati da architetture e installazioni mozzafiato.

 

Un post condiviso da Chateau La Coste (@chateaulacoste) in data:

 

Ore 16.00

Visita a una cantina moderna: Domaine La Cabotte

Se non vi siete ancora stufati di vino, proseguendo in macchina a poco meno di 2 ore di strada, trovate Mont Ventoux che ospita Domaine La Cabotte. Progettata da H2o architectes, la struttura, avvolta in un guscio di legno,  presenta un interno total white e super minimal.  (leggi anche → Studio h2o Progetta una struttura moderna per Domaine La Cabotte)

 

Un post condiviso da Domaine la Cabotte (@domainelacabotte) in data:

 

Ore 18.00

Un tuffo indietro nel tempo: la Avignone dei Papi

 

Dopo un buon bicchiere di vino ci rimettiamo in macchina e ci dirigiamo alla volta di Avignone, il cuore della Provenza. In questa città così ricca di storia è vietato andare alla ricerca di architetture contemporanee, dirigetevi invece a Palais de Papes. Patrimonio mondiale dell’umanità dal 1995, il Palazzo dei Papi fu realizzato per ospitare i Papi durante la loro fuga da Roma nel 1300 ed è oggi uno dei più importanti edifici gotici medievali in Europa.

 


di Chiara Chioda / 28 Giugno 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Gli specchi di Leonardo Magrelli

Quando l'uomo scompare resta solo lo spazio

costume

[Design]

I mobili per la vita sedentaria

Una designer polacca immagina il futuro dell'uomo sedentario

scuole

[Design]

Non è solo profumo

Fragranze che si ispirano all'architettura, al cibo e alla moda

design e wellness

[Design]

Il materasso a occhi chiusi

Una guida e sei proposte per trovare il materasso perfetto

letti di design

[Design]

Castiglioni in 3 icone

Alla scoperta di 3 pezzi di design leggendari del grande maestro

Oggetti di design

[Design]

Dentro le gallerie di Miami

Riassunto in 6 tappe di tutte le novità d'oltreoceano

fiere

[Design]

6 influencer a Miami

Il meglio di Design Miami 2017 secondo chi detta legge sui social

top ten

[Design]

Una sedia, tanti modi

A Milano un allestimento esplora le possibilità di un concept modulare

sedie di design

[Design]

Il textile design è sociale

Tre realtà europee che lavorano tra l'alta qualità e l'impegno sociale

textile design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web