ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Barcellona: un nuovo modo di abitare

Nook Architects firmano il restauro di un appartamento nel centro della città. Il quarto nello stesso palazzo

Barcellona: dopo i progetti di Casa Roc, Twin House e Roc Cube, tutti nel medesimo edificio situato nel centro della città, arriva - a completare la serie - G-Roc apartment, ennesima abitazione firmata da Studio Nook Architects.

A parlarcene, in un'intervista, sono gli stessi autori: Rubén F. Berenguer, Ana García e Joan G. Cortès.

Questo è il quarto appartamento che realizzate nello stesso palazzo, quale è stato il concept della nuova ristrutturazione?
Dopo aver realizzato i primi tre interventi è stato quasi automatico decidere come riprogettare la casa. Il filo rosso che accomuna i 4 progetti sta nella separazione tra la zona giorno e la zona notte che è stata  mantenuta, insieme ai servizi, nella facciata interna dell’edificio. Abbiamo anche cercato di recuperare la struttura originaria e le relative suddivisioni delle stanze.

Quali materiali avete usato per rifinire l’appartamento?
Per limitare gli sprechi e ridurre i costi abbiamo deciso di avvalerci di materiali avanzati da precedenti ristrutturazioni: piastrelle, mattonelle esagonali, ante di pensili da cucina.

Quali le novità rispetto ai primi tre interventi?
Sicuramente i soffitti, che erano mezzo metro più alti. Ci hanno permesso di costruire un soppalco per il letto che lasciasse libero lo spazio sottostante così da creare una camera-studio.

Come avete deciso di suddividere le stanze?
Al fine di aumentare la luce naturale abbiamo pensato di non inserire porte. Due pareti di colore azzurro dividono cucina e camera. Due accessi differenti conducono al letto e al bagno che, rispetto alle altre case, ha dimensioni maggiori. È inoltre presente una grande vetrata, che dà sulla facciata interna, attraverso la quale si accede ad un piccolo terrazzo. Abbiamo anche deciso di posizionare la cucina dal lato dell'edificio in cui si trovano gli spazi comuni.

Avete previsto particolari decorazioni o finiture per l’appartamento?
Per il soppalco ci siamo avvalsi di tavole modulari di legno scelte sia per la resistenza sia per il colore. Lo strato di resina che le riveste dona al colore giallo naturale del legname un tono più vivace. Per il mobiletto del bagno abbiamo deciso di utilizzare le stesse tavole su misura. Poiché l'appartamento è stato ristrutturato per essere affittato, la priorità e stata quella di utilizzare materiali che non necessitassero di grandi interventi di manutenzione.


di Valentina Mariani / 30 Luglio 2014

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

[Interior Decoration]

Casa effetto collage

Contrasto di colori e materiali in una casa per quattro nel Sud di Londra

restyling

[Interior Decoration]

Parigi-Tel Aviv senza aereo

Cucina mediorientale e toni pastello nel 10° arrondissement

ristoranti di design

[Interior Decoration]

Very, very Berlin!

Una casa minimal chic nel quartiere emergente più cool

stile minimal

[Interior Decoration]

I segreti di un gioiello Bauhaus

3 curiosità su Villa Harnischmacher II disegnata da Marcel Breuer

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web