ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Mama Shelter apre a Bordeaux

Starck disegna il 5° hotel della catena in un edificio industriale

Dopo Parigi, Marsiglia, Lione e Istanbul, il Mama Shelter Hotel approda a Bordeaux. La catena, creata dalla collaborazione tra la famiglia Trigano e il designer francese Philippe Starck, è ormai al suo quinto albergo. Posizionato in Place Saint Christoly, in pieno centro storico, è nato dalla ristrutturazione della sede dell’ex società del gas della città.

Il progetto, dinamico e articolato, segue la filosofia degli altri Mama Shelter sia in termini di politica dei prezzi (partono da 49 euro) che di atmosfera. 97 camere dall’aspetto minimale, 1 pizzeria, 1 cocktail–wine bar e 2 atelier, si sviluppano fino ad un'altezza di 47 m dalla cui copertura, dalla prossima estate, sarà possibile ammirare l’ansa del fiume Garonna godendo di una vista panoramica ininterrotta.

L’esterno ha mantenuto il suo aspetto industriale affidato alla linearità delle facciate bucate da ampie vetrate allineate. Unica variante il colore verde muschio dato all’intero volume. Il concept sembra più quello di una piazza di paese che di un hotel tradizionale. L'obiettivo è quello di accogliere e riunire. L’ospitalità è vista come una opportunità per socializzare in un luogo conviviale declinato dall’estro e dalla genialità di Philippe Starck.

Negli interni si respira l'aria euforica dei bazar. Tappeti, maschere dei cartoni animati, specchi e teiere illuminate animano gli spazi comuni in un mix di colori, grafica, materiali e fantasia. La libertà, il corpo e il suo benessere sono al centro del progetto, curato nei minimi dettagli. Tanti i servizi offerti agli ospiti: dall’utilizzo di cosmetici 100% biologici fino alle più moderne tecnologie.

Una curiosità: Internet, radio e pc permettono, attraverso la funzione photobooth, la realizzazione di micro film come ricordo del soggiorno.


di Benedetta Lamberti / 14 Novembre 2013

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Concept street

Il nuovo indirizzo di Roma per alloggiare, mangiare e bere, fare shopping.

negozi di design

[Interior Decoration]

Un bistrot firmato Urquiola

A Milano il ristorante 403030 basato sulla dieta a zona

Travel

[Interior Decoration]

Le Drugstore, il restyling

Riapre il Drugstore di Parigi con un restyling di Tom Dixon

Ristoranti

[Interior Decoration]

La Romagna a Londra

Ispirazione italiana per Leo's, il nuovo place to be di Londra

lounge bar

[Interior Decoration]

Alessandro Dell’Acqua

Alla scoperta della casa milanese del brand N°21, rigorosamente gris noir

uffici di design

[Interior Decoration]

A Dubai il ristorante è glam

Il mare incontra la Vecchia Europa nel nuovo ristorante di Connolly

ristoranti di design

[Interior Decoration]

Nuda, rossa o blu?

Experimento raccoglie i creativi di Madrid in un luogo eclettico

restyling

[Interior Decoration]

Che ne sarà del Waldorf?

Tutta la storia dell'hotel più famoso al mondo, oggi chiuso per restauro

hotel di design

[Interior Decoration]

Restauro raw style

Squire & Partners si trasferisce in un vecchiopalazzo eduardiano

restyling

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web