ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Paul Smith si veste di nero

Interni eccentrici e una facciata in ghisa per il nuovo store a Londra

Per l'espansione dello store di Paul Smith al 9 di Albemarle Street a Londra, il designer britannico si è affidato allo studio 6a architects. Ciò che lascia a bocca aperta del nuovo progetto è la facciata in ghisa intarsiata nata da schizzi dello stilista che uniscono tratti architettonici tradizionali del quartiere alla modernità del brand.

La facciata metallica insieme alla soprastante balaustra si sviluppa su uno sfondo composto da mattoni dipinti di nero. Gli intarsi rappresentano un omaggio alle tecniche costruttive londinesi e non solo. Un rimando alla texture delle vie della metropoli con grate, ringhiere, balconi e pali dell'illuminazione urbana.

Gli interni sono suddivisi in tre sezioni ognuna con un look e un'atmosfera diversa. Il reparto donna è un mix tra la ricca tradizione artistica di Mayfair e lo studio della scultrice Barbara Hepworth con un sistema di appenderia elegante e funzionale mentre le pareti del dipartimento calzature sono rivestite da più di 30.000 tessere di domino.

L'area dedicata al menswear ha uno stile più modernista. Arredi e complementi in legno e bronzo dalle forme organiche si uniscono a binari circolari in acciaio nero utilizzati per esporre il tailoring mentre finestre a tutta altezza si affacciano su un piccolo giardino impreziosito da  lucernari sul retro.

L'angolo arredamento ha le sembianze di un'open gallery con rivestimenti puliti e pavimenti in pietra. Questo spazio è stato pensato per allestimenti temporanei con il fine di mettere in mostra pezzi d'arredo in continua rotazione.

Ulteriori caratteristiche architettoniche quali l'escalier principale blu cobalto conferiscono al progetto toni vibranti e caldi. Spazi tutti da scoprire nei quali coesistono prêt-à-porter, arte e furniture. E' la classica magia del maestro Paul.


di Eugenio Cirmi / 18 Dicembre 2013

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

[Interior Decoration]

Casa effetto collage

Contrasto di colori e materiali in una casa per quattro nel Sud di Londra

restyling

[Interior Decoration]

Parigi-Tel Aviv senza aereo

Cucina mediorientale e toni pastello nel 10° arrondissement

ristoranti di design

[Interior Decoration]

Very, very Berlin!

Una casa minimal chic nel quartiere emergente più cool

stile minimal

[Interior Decoration]

I segreti di un gioiello Bauhaus

3 curiosità su Villa Harnischmacher II disegnata da Marcel Breuer

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web