ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Aparthotel per viaggiatori moderni: più casa e meno albergo

Benvenuti al Leman Locke Aparthotel, un nuovo rifugio a contatto coi locals nel cuore di Aldgate

aparthotel-londra-design-leman-locke-bar

È innegabile, gli aparthotel a Londra, come in tutto il mondo, solo una soluzione che piace sempre di più ai viaggiatori moderni. D'altronde ormai il trend è consolidato: chi oggi viaggia vuole sentirsi parte di una community e godere di un ambiente accogliente quasi familiare, una volta scelta la propria stanza da albergo. I servizi più richiesti dai viaggiatori di oggi sono un accoglienza personalizzata e la sensazione di essere i benvenuti nella condivisione della vita quotidiana dei locals (leggi anche Hotel a New York: Arlo punta sulla socializzazione tra ospiti e locals). Per questo nuove soluzione alberghiere si stanno affacciando all’orizzonte offrendo soluzione aggiornate dove la permanenza non è solo vista come il pernottare in una scatola da scarpe con dentro un letto e una doccia ma piuttosto il poter sperimentare soluzioni veramente uniche.

Il Leman Locke Aparthotel ha accettato questa sfida progettando nella creativa East London un spazio destinato a scuotere lo stile superato dei vecchi hotel e aprire la porta a un nuovo modo di viaggiare.

Grazie ai suoi spazi collegati con la comunità, Leman Locke ha la capacità di immergere il viaggiatore nell’eccitante cultura di Aldgate, uno dei quartiere più creativi della capitale a pochi minuti dalle aree di Shoreditch, Hoxton e Hackney.

I 168 appartamenti, di cui 105 spaziosi monolocali e 63 eleganti suite, ciascuno con camera da letto, cucina completamente attrezzata e zona soggiorno, hanno delle dimensioni doppie rispetto alla tipica camera d'albergo, per accentuare la sensazione di essere a casa.

A questo fine, anche gli arredi giocano ovviamente un ruolo fondamentale. Non a caso per le proprie stanze Leman Locke ha scelto un design dalle forme morbide e tondeggianti e delle tinte pastello, raramente vivacizzate da macchie di colori a contrasto.

Lo stile contemporaneo si esprime nei vari dettagli: la scala a chiocciola sinuosa, il bar con un disegno grafico di mattoni, tinte neutre, legno naturale, luci stilizzate e morbidi tappeti.

L'uso intelligente dello spazio ruota attorno alla zona giorno, perchè la camera non è solo un luogo dove dormire ma soprattutto uno spazio per vivere, condividere, restare collegati con il resto del mondo. Non a caso i due ristoranti, Treves e Hyde Park, rispettivamente al pian terreno e al primo piano dell’edificio, sono stati progettati come un’oasi all’interno del quartiere, dove gli spazi che si evolvono nel corso della giornata: dalla sana colazione del mattino fino ai cocktail a tarda notte.

Al 21° e 22° piano si possono affitare due sale per riunioni con vista sul Shoreditch mentre la palestra resta aperta 24 ore al giorno per placare i fanatici del fitness. Particolare anche la formula della permanenza che, da un minimo di una sola notte, si può anche prolungare a periodi medio lunghi.

www.lockeliving.com


di Paola Testoni / 29 Novembre 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un attico baciato dal sole

A Palermo minimalismo ed ergonomicità su due livelli

restyling

[Interior Decoration]

Location! Location! Location!

Roma e i nuovi progetti per l’abitare contemporaneo

interviste

[Interior Decoration]

Polvere di stelle

Femminilità a colori: il pop up store di Paula Cademartori

negozi di design

[Interior Decoration]

Mix balinese

Un boutique hotel a Bali tra arte, natura, design e vintage

hotel

[Interior Decoration]

Cafè No. 19, vintage alla greca

Un nuovo locale ispirato alle vecchie gastronomie greche di Melbourne

ristoranti

[Interior Decoration]

New style new life

Questa volta Dmail reinventa se stessa

negozi di design

[Interior Decoration]

Londra ha un cuore sardo

Il ristorante Olivo racconta tra menù e design la bellezza di un'isola

ristoranti

[Interior Decoration]

Tempi di vendemmia

In Catalogna il minimalismo contagia anche le cantine

food e design

[Interior Decoration]

I pastelli di Odette

A Singapore un ristorante francese punta tutto sui colori soft

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web