ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La casa di Notting Hill piena di opere d’arte

Una collezione privata si alterna a mobili iconici e all’alta artigianalità degli arredi in questo appartamento nel quartiere più richiesto di Londra

appartamento-a-notting-hill-con-opere-d-arte
Andrew Beasley

Il sontuoso appartamento di Notting Hill a Londra è stato trasformato in una vera galleria d’arte privata: qui il patio interno con mobili su misura di Louisa Holt

Cosa succede se volete traslocare ma non volete lasciare la vostra collezione di opere d’arte? Questo è successo ad una coppia che ha deciso di trasferirsi da Kensington, a Londra, in un appartamento di Notting Hill, visto che i figli ormai adulti, hanno lasciato la casa e l’esigenza di grandi spazi è diminuita, ma la collezione di opere d’arte no, come adattare allora gli spazi più contenuti al piacere di ammirare le proprie tele ben disposte all’interno di spazi mantenuti necessariamente ampi?

A questa sfida ha risposto il progetto di Louise Holt che ha completamente ristrutturato questo appartamento nel richiestissimo quartiere londinese, adattandolo alle esigenze artistiche dei proprietari. La coppia, che vive tra Londra e New York, richiedeva degli interni di stile urban ma con una forte connotazione di eleganza e linearità dove arredamento, illuminazione e rifiniture potessero contribuire a presentare al meglio la loro collezione d'arte. Partendo da questo concetto la designer è intervenuta cambiando completamente il layout e tutte le rifiniture dell'appartamento per creare la sensazione di camminare in una galleria d’arte.

Per i pavimenti si è deciso di installare un parquet con ampio e contemporaneo modello a lisca di pesce mentre per le pareti si è deciso per un colore bianco col fine di massimizzare la luce e offrire un contesto neutro alle importanti opere l'arte e ai pezzi di arredamento. Lo spazio abitativo è stato poi suddiviso in quattro zone lasciate aperte senza soluzione di continuità, ma allo stesso tempo molto caratterizzate e diversificate secondo il loro utilizzo. La prima area prevede un living con zona musica: per i divani si è optato per un modello di B&B Italia mentre le poltrona sono di Minotti. Al progetto è stato aggiunto un camino in marmo con una struttura sopraelevata in bronzo che ne aumenta la verticalità e nasconde la TV. L’ampio lampadario è stato ordinato su misura da Lindsey Adelman Studio a New York ed è stato posto al di sopra del grande tavolo da caffè di Ochre.

Al centro dello spazio c'è il pianoforte del cliente e un tavolo da pranzo rotondo del parigino Herve Van Der Straeten. La zona dining si trova al centro dello spazio e assume perciò un carattere particolarmente scultoreo grazie anche all’aggiunta di un secondo importante lampadario anche questo ordinato su misura da Lyndsey Adelman. Sul retro della stanza è stata creata un'area più intima con note vintage grazie ad un divano semicircolare italiano del 1950, la poltrona di Ico Parisi e un tavolino da caffè francese del 1950 di Mangemartin, conclude quindi l’arredo una lampada da terra di Serge Mouille accanto a una poltrona in velluto di Tom Dixon. Questo spazio si affaccia sulla terrazza per la quale Holt ha disegnato un divano di forma semicircolare da adattare alla forma di questo spazio, si è poi aggiunto poi una struttura in acciaio nero a mezza cupola, pavimento in legno e un tavolo circolare che contiene un camino per le serate più fresche.

La cucina Bulthaup è stata progettata da Kitchen Architecture di Londra, il lampadario in bronzo è di Roll and Hill e sono state anche aggiunte delle porte a soffietto a scomparsa per delimitare lo spazio indeterminate occasioni. Il corridoio è stato completamente trasformato per farlo divenire una galleria d’arte: questo grazie anche a dei rivestimenti parietali in pannelli di gesso screpolato con dettagli in bronzo e vetro antico mentre l’illuminazione è stata affidata alle applique a parete di Paul Mathieu. Per la zona notte Louise Holt ha completamente riconfigurato lo spazio creando due bagni di cui uno molto ampio ensuite, due dressing room e una camera da letto per gli ospiti e una principale dal gusto un po’ dark con pareti rifinite in intonaco lucido, moquette di seta e armadi su misura in bronzo e vetro antico. Il letto e il divanetto sono di Minotti, le lampade da comodino di Porta Romana e il lampadario di Ochre.

www.louiseholtdesign.com

SCOPRI ANCHE:
Come vive un collezionista? Scopritelo in queste 5 case


di Paola Testoni / 28 Agosto 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Qualcuno ha detto colore?

Ristrutturazione tra antico e moderno alla Wes Anderson

Uffici di design

[Interior Decoration]

Lusso ginnico

Gentlemen club? No, palestra! Nasce il club più esclusivo di Londra

design&wellness

[Interior Decoration]

Appartamento plug & play

Parte da Amsterdam l'idea che cambia il concetto di abitazione

hotel di design

[Interior Decoration]

Coworking di lusso a NYC

Un club privato, ecco la nuova frontiera per gli uffici di design

uffici di design

[Interior Decoration]

Una casa-palafitta sospesa

Quando l'architettura si deve adeguare al terreno e alla natura

Casa moderna

[Interior Decoration]

Restyling colorato in Israele

Un Duplex ristrutturato con il colore per una giovane coppia

Restyling

[Interior Decoration]

Un loft moderno e raw

Ex centrale del gas a Melbourne diventa casa dal sapore industriale

Restyling

[Interior Decoration]

Restyling in punta di piedi

Una casa mediterranea si rifà il look, senza tradire la propria identità

restyling

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web